contenzioso tributario – Il documento prova il “nero” e ciò basta, ovunque esso sia Cass.10395 2018 04 30 
contenzioso tributario / 2018-04-30

contenzioso tributario – Il documento prova il “nero” e ciò basta, ovunque esso sia Cass.10395 2018 04 30 Irrilevante l’esito negativo della verifica eseguita presso la sede del contribuente se quest’ultimo non riesce a confutare l’esistenza delle operazioni contestate. SINTESI: La “contabilità in nero”, seppur rinvenuta presso terzi e costituita da appunti ed informazioni dell’imprenditore, integra un valido elemento indiziario, incombendo dunque sul contribuente l’onere di fornire la prova contraria, al fine di dimostrare l’infondatezza della pretesa impositiva. Ordinanza n. 10395 del 30 aprile 2018 (udienza 7 febbraio 2018) Cassazione civile, sezione VI – 5 – Pres. Cirillo Ettore – Est. Napolitano Lucio Contabilità in nero – Anche se intervenuta presso terzi integra un valido elemento indiziario – È onere del contribuente dimostrare l’infondatezza della pretesa impositiva pubblicato Mercoledì 16 Maggio 2018 http://www.fiscooggi.it/avviso-ai-litiganti/articolo/documento-prova-nero-e-cio-basta-ovunque-esso-sia ^^ CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 30 aprile 2018, n. 10395 Accertamento – Operazioni commerciali non fatturate – Riscontro da “contabilità in nero” rinvenuta presso terzi – Elemento indiziario – Onere di prova contraria da parte del contribuente. Fatto e diritto Costituito il contraddittorio camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., come integralmente sostituito dal comma 1, lett. e), dell’art. 1 – bis del d.l. n. 168/2016, convertito, con…

aliquote Iva -prodotti x giardinaggio 2018 04 30 
aliquote IVA / 2018-04-30

aliquote Iva -prodotti x giardinaggio 2018 04 30 2018 04 30 prodotti x giardinaggio Prodotti per il giardinaggio: carrellata sulle aliquote Iva. 4% per tutti i tipi di fertilizzanti, sale al 10%, invece, per i prodotti fitosanitari, destinati a conservare e proteggere le coltivazioni dall’attacco di acari, batteri, funghi, insetti e molluschi. Con il presente contributo si intende tracciare un quadro di sintesi delle principali aliquote Iva applicabili alla commercializzazione di prodotti florovivaistici e specifici destinati all’attività di giardinaggio. Piante aromatiche in vaso Alle cessioni di piante aromatiche in vaso, si applica l’aliquota Iva del 5% esclusivamente per le piante allo stato vegetativo di basilico, rosmarino e salvia (n. 1-bis Tabella A, parte II-bis, Dpr 633/72). Come chiarito nella risoluzione 56/E del 3 maggio 2017, il dato letterale consente l’applicazione dell’aliquota ridotta del 5% solo ed esclusivamente alle cessioni dei prodotti tassativamente e specificatamente indicati dalla norma. Restano pertanto escluse dalla fruizione dell’aliquota ridotta del 5% le cessioni in vaso di menta, alloro, maggiorana, origano e prezzemolo, per le quali si applica l’aliquota ordinaria, attualmente pari al 22%. Semi, spore e frutti da sementa Per gli amanti del verde, che si vogliono cimentare con la coltivazione da seme, è applicabile l’aliquota del 10%…

fattura elettronica x acquisto carburanti x autotrazione 2018 04 30 

fattura elettronica x acquisto carburanti x autotrazione 2018 04 30 2018 04 30 fatt x acq carburanti Carburanti per autotrazione: e-fattura dal prossimo 1° luglio. In vista dell’imminente partenza dell’obbligo di utilizzo della modalità elettronica, l’Agenzia delle entrate fornisce i primi chiarimenti su alcuni particolari ambiti applicativi. Doppio intervento dell’Amministrazione finanziaria, che con la circolare 8/E e il provvedimento 30 aprile 2018, fornisce precisazioni in merito alla fatturazione elettronica, obbligatoria dal prossimo 1° luglio per le cessioni di carburanti per autotrazione. In aiuto degli operatori, arriva un’App e servizi on line taglia burocrazia. Circolare n. 8/2018 Un rapido excursus  La legge di bilancio 2018 ha introdotto, dal 1° gennaio 2019, la fatturazione elettronica obbligatoria per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia. L’obbligo, prevede la stessa legge, viene anticipato al 1° luglio 2018, per le “cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori” e per le “prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica” (così l’articolo 1, comma 917, rispettivamente lettere a) e b), legge 2015/2017)….

associazioni sportive dilettantistiche – necessario l’esercizio effettivo dell’attività senza fini di lucro – Cass.10393 2018 04 30 

associazioni sportive dilettantistiche – necessario l’esercizio effettivo dell’attività senza fini di lucro – Cass.10393 2018 04 30 Associazioni sportive dilettantistiche: per le agevolazioni è necessario “l’effettivo svolgimento di attività senza fine di lucro”. In tema di agevolazioni tributarie, “l’esenzione d’imposta prevista dall’art. 148 del d.P.R. n. 917/1986 in favore delle associazioni non lucrative dipende non dall’elemento formale della veste giuridica assunta (nella specie, associazione sportiva dilettantistica), ma anche dall’effettivo svolgimento di attività senza fine di lucro, il cui onere probatorio incombe sulla contribuente e non può ritenersi soddisfatto dal dato, del tutto estrinseco e neutrale, dell’affiliazione al CONI”. Questo il principio esposto dalla Corte di Cassazione, Sesta Sezione Civile, nell’ordinanza n. 10393 del 30 aprile 2018. Fonte: http://www.cortedicassazione.it ^^^^ CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 30 aprile 2018, n. 10393 Agevolazioni tributarie – Accertamento – Associazione sportiva dilettantistica – PVC – Contenzioso tributario Fatto e diritto Costituito il contraddittorio camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., come integralmente sostituito dal comma 1, lett. e), dell’art. 1 – bis del d.l. n. 168/2016, convertito, con modificazioni, dalla l. n. 197/2016; dato atto che il collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della presente motivazione in forma semplificata,…

oneri detraibili – spese palestra 2018 04 30 
oneri detraibili / 2018-04-30

oneri detraibili – spese palestra 2018 04 30   Spese per frequentare una palestra Sulla base di un certificato del mio medico mi sono iscritto in palestra per fare ginnastica finalizzata alla cura di una patologia. Posso detrarre la spesa? Antonio B. Anche se accompagnata da un certificato medico che prescriva una specifica attività motoria, la spesa sostenuta per l’iscrizione a una palestra non può essere considerata come una spesa sanitaria detraibile. Questa attività, infatti, anche se svolta a scopo di prevenzione o terapeutico, deve essere inquadrata in un generico ambito salutistico di cura del corpo e non può essere riconducibile a un trattamento sanitario qualificato (circolare n. 19/E del 1° giugno 2012, paragrafo 2.3). risponde Gennaro Napolitano  pubblicato Lunedì 30 Aprile 2018 http://www.fiscooggi.it/posta/spese-frequentare-palestra

scheda carburanti – e-fattura per acquisto carburante per autotrazione 2018 04 30
scheda carburanti / 2018-04-30

scheda carburanti – e-fattura per acquisto carburante per autotrazione 2018 04 30 Carburanti per autotrazione: e-fattura dal prossimo 1° luglio. In vista dell’imminente partenza dell’obbligo di utilizzo della modalità elettronica, l’Agenzia delle entrate fornisce i primi chiarimenti su alcuni particolari ambiti applicativi. Doppio intervento dell’A.F., che con la circolare 8/E e il provvedimento 30 aprile 2018, fornisce precisazioni in merito alla fatturazione elettronica, obbligatoria dal prossimo 1° luglio per le cessioni di carburanti per autotrazione. In aiuto degli operatori, arriva un’App e servizi on line taglia burocrazia. Circolare n. 8/2018 Un rapido excursus  La legge di bilancio 2018 ha introdotto, dal 1° gennaio 2019, la fatturazione elettronica obbligatoria per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati in Italia. L’obbligo, prevede la stessa legge, viene anticipato al 1° luglio 2018, per le “cessioni di benzina o di gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori” e per le “prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica” (così l’articolo 1, comma 917, rispettivamente lettere a) e b), legge 205/2017). E le novità, per i carburanti,…