vangelo la parola di oggi – lasciate che l’una e l’altra crescano insieme fino alla mietitura 2018 07 28 

vangelo la parola di oggi – lasciate che l’una e l’altra crescano insieme fino alla mietitura 2018 07 28 Sabato 28 Luglio 2018    Ss. Nazario e Celso; S. Pietro Poveda Castroverde; S. Botvido – 16.a di Tempo Ordinario Ger 7,1-11; Sal 83; Mt 13,24-30 VANGELO (Mt 13,24-30)  – Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura. + Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”. E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori:…

agevolazioni ristrutturazioni fabbricati – aliquota Iva agevolata beni significativi Circ. 15 2018 07 12 

agevolazioni ristrutturazioni fabbricati – aliquota Iva agevolata beni significativi Circ. 15 2018 07 12 2018 07 12 ristrutt e Iva agevolata Ristrutturazioni e Iva agevolata: le novità sui beni “significativi”. Il valore delle parti staccate confluisce in quello della prestazione, cioè gode dell’aliquota ridotta al 10 per cento, solo se connotate da una propria autonomia funzionale. L’Agenzia delle entrate, con la circolare 15/E del 12 luglio 2018, chiarisce la disciplina dei “beni significativi” (articolo 7, comma 1, lettera b), legge 488/1999), quelli individuati dal decreto ministeriale 29 dicembre 1999, tenendo conto dell’interpretazione autentica di queste regole fornita dall’ultima legge di bilancio (articolo 1, comma 19, della legge 205/2017). Disciplina dei beni significativi In linea generale, il documento di prassi ricorda che la categoria dei “beni significativi” incide sulle agevolazioni Iva previste per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio. In sintesi, la norma regolatrice degli sconti, contenuta nella Finanziaria 2000, ha previsto l’aliquota Iva ridotta del 10% per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria (articolo 3, primo comma, lettere a) e b) del Testo unico dell’edilizia, Dpr 380/2001), se eseguiti su immobili a prevalente destinazione abitativa. L’agevolazione coinvolge le prestazioni di servizi complessivamente rese e quindi comprende anche le materie prime e semilavorate…

salute – dieta x diverticolosi 2018 07 12 
salute / 2018-07-12

salute – dieta x diverticolosi 2018 07 12 Dieta per diverticolosi: cosa mangiare e menu La dieta per la diverticolosi rappresenta un importante supporto al miglioramento dei sintomi di questo fastidioso disturbo intestinale. La diverticolosi consiste nella presenza di uno o più diverticoli nel colon: si tratta di una o più estroflessioni della parete intestinale a forma di piccoli sacchi, detta a “dito di guanto”. Nella maggior parte dei casi questo disturbo è asintomatico, ma possono verificarsi anche episodi di infiammazione e sanguinamento. Anche se i diverticoli si possono presentare lungo tutto il tratto dell’intestino, nella maggior parte dei caso sono localizzati nel colon. La diverticolosi è più comune negli individui di età avanzata: tre quarti dei soggetti coinvolti ha più di 80 anni. La causa della diverticolosi non è del tutto nota e, molto probabilmente, dipende da diversi elementi. Alcuni studi evidenziano un ruolo importante di alcuni fattori ambientali, come ad esempio la dieta a basso contenuto di fibre o alto contenuto di carne rossa. Sono però coinvolti anche fattori ereditari. La maggior parte dei pazienti, quasi l’80%, è asintomatica. Negli altri la malattia si manifesta con dolore o sanguinamento. I pazienti con diverticolosi a volte soffrono di gonfiore, stitichezza o diarrea. La dieta può influenzare l’intensità dei…

salute – dieta di Ronaldo 2018 07 12 
salute / 2018-07-12

salute – dieta di Ronaldo 2018 07 12 Dieta di Cristiano Ronaldo: cosa mangia CR7 per restare in forma Restare in forma seguendo la dieta di Cristiano Ronaldo. Non sono soltanto le sue doti calcistiche o il suo imminente arrivo nel campionato di calcio italiano, CR7 è ultimamente al centro dell’attenzione anche per quanto riguarda la sua alimentazione. Un regime alimentare piuttosto rigido, seppure con qualche concessione qua e là, che contribuisce a mantenere la massa grassa del campione portoghese ad appena il 7% (mentre i muscoli rappresentano il 50%). Una dieta studiata per mantenere attivo il metabolismo, a detta del giocatore portoghese, composta da “cibi sani come frutta e verdura fresca, cereali integrali e tante proteine”. Cristiano Ronaldo si sarebbe rivolto all’ex velocista olimpionica Samantha Clayton, da cui avrebbe ricevuto alcuni preziosi consigli riguardanti non soltanto l’alimentazione, ma anche la preparazione fisica (perlopiù corsa, poi pilates e nuoto). Molto rigida anche la “tabella di marcia” per quanto riguarda il sonno, fissato a 8 ore. Sei i pasti giornalieri per CR7, in quantità moderate e a distanza di 3-4 ore l’uno dall’altro, con una colazione ricca di proteine (formaggi magri, uova o toast col prosciutto e spremute di agrumi). Il pranzo di Cristiano Ronaldo è solitamente composto da un’insalata di verdure e del pollo, con…

gruppi Iva – interpello – chiarimenti Ris. 54/E 2018 07 10 
gruppi IVA , interpello / 2018-07-10

  gruppi Iva – interpello – chiarimenti Ris. 54/E 2018 07 10 OGGETTO: IVA – Chiarimenti sulle modalità di presentazione delle istanze di interpello di cui all’articolo 70-ter, commi 5 e 6, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633, finalizzate alla esclusione o alla inclusione di soggetti passivi d’imposta in un Gruppo IVA L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 54/E fornisce chiarimenti per la presentazione delle istanze di interpello probatorio (ex articolo 70-ter, commi 5 e 6, del Dpr 633/1972) per l’esclusione o inclusione di soggetti passivi d’imposta in un Gruppo Iva. Nella Risoluzione viene specificato che, per la regolare presentazione di un interpello, è richiesta la sottoscrizione sia del rappresentante del Gruppo Iva costituito o del futuro rappresentante del Gruppo Iva costituendo, sia del membro di cui si vuole provare il difetto o il possesso di un requisito di partecipazione; questo è funzionale alla rappresentazione complessiva della rete dei soggetti passivi interessati alla formazione di un Gruppo Iva, che solo il rappresentante può fornire. 2018 07 10 gruppo Iva disc interpel Ris 54