2020 10 09 cruscotto controllo aziendale: calcolo stato decozione

cruscotto controllo aziendale: calcolo stato decozione 2020 10 09 Nella piattaforma, la cui consultazione, è completamente gratuita, si trovano delle sezioni; alcune permettono la possibilità di effettuare i calcoli per determinare se l’azienda analizzata sia in STATO DI DECOZIONE CONCLAMATA e deve recarsi presso l’OCRI (Il costituendo Organismo di Composizione Assistita della Crisi che partirà il 16 Agosto 2020 con sede presso le Camere di Commercio). Poi ci sono delle sezioni contenenti i riferimenti normativi e un blog riguardante l’argomento dell’allerta nella fase della INSOLVENZA CONCLAMATA. SI RICORDA CHE IN BASE AL 2086 SECONDO COMMA TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE AL REGISTRO IMPRESE HANNO L’OBBLIGO DI MISURARE LA CONTINUITA’ AZIENDALE E DI VIGILARE SUL MANIFESTARSI DI INDIZI DI CRISI. IL FATTO CHE NON SIANO SUPERATI GLI INDICI DI CUI ALL’ART. 13 E ALL’ART. 24 NON ESENTA L’IMPRENDITORE, INDIVIDUALE O COLLETTIVO A MISURARE LA CONTINUITA’ AZIENDALE ED AD ADOPERARSI, ANCHE TRAMITE IL RICORSO ALL’OCRI PER EVITARE CHE L’AZIENDA VADA IN CRISI. NEL CASO IN CUI UNA SOCIETA’, ANCHE DI CAPITALI, NON ABBIA UN ADEGUATO ASSETTO ORGANIZZATIVO AMMINISTRATIVO E CONTABILE, COSI COME PRESCRITTO DAL 2086 SECONDO COMMA, DEI DEBITI CONTRATTI, IN BASE AL ARTICOLO 2476 COMMA 6, SONO RESPONSABILI IN SOLIDO ANCHE GLI…

2020 10 09 edilizia, condominio: adeguamento antincendio
condominio , edilizia / 2020-10-09

2020 10 09 edilizia, condominio: adeguamento antincendio Antincendio, l’emergenza sanitaria rallenta l’adeguamento di Paola Mammarella Negli edifici abitativi avverrà entro sei mesi dalla fine dello stato di emergenza. Valutazioni più agili nelle scuole L’adeguamento alla normativa antincendio negli edifici abitativi va incontro ad un nuovo stop. Lo prevede il disegno di legge per la conversione del Decreto “Agosto” (DL 104/2020), che tiene conto dell’emergenza sanitaria in atto anche per le regole da seguire negli spazi destinati ad ospitare le attività scolastiche. Antincendio, adeguamento degli edifici abitativi Gli edifici abitativi, in base alle previsioni contenute nel DM 25 gennaio 2019, avrebbero dovuto essere adeguati alle nuove norme antincendio entro il 6 maggio 2020. A causa del lockdown, causato dall’emergenza coronavirus, non è stato possibile effettuare gli adeguamenti. Il Decreto Agosto ha quindi previsto che l’adeguamento alle norme antincendio avvenga entro sei mesi dalla fine dello stato di emergenza. L’adeguamento non sarà immediato. Lo stato di emergenza, in scadenza al 15 ottobre 2020, è stato infatti prorogato al 31 gennaio 2021. Per capire se ci saranno ulteriori proroghe, bisognerà valutare, l’evoluzione della situazione sanitaria nei prossimi mesi. Non viene invece rivisto il termine del 6 maggio 2021 per adeguarsi all’obbligo di installazione degli impianti di segnalazione manuale…

2020 10 09 agevolazioni fabbricati bonus facciate: rientra il muretto di cinta ?

2020 10 09 agevolazioni fabbricati bonus facciate: rientra il muretto di cinta ? Bonus facciate, rientra il muretto di cinta di una villa? di Alessandra Marra L’Agenzia delle Entrate ribadisce quali interventi sono ammessi e quali sono esclusi I lavori sul muretto di cinta di una villetta, con relativa cancellata, possono essere agevolati con il bonus facciate? L’Agenzia delle Entrate ha risposto a questa domanda tramite la posta di FiscoOggi. Bonus facciate: può accedervi il muretto di una villa? L’Agenzia ha spiegato che per usufruire del bonus facciate gli interventi devono essere finalizzati al recupero o restauro della “facciata esterna” di edifici esistenti e ubicati in zona A o B o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi comunali. Tali interventi, inoltre, devono essere realizzati esclusivamente sulle “strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi”. Bonus facciate: gli interventi esclusi   Di conseguenza, non costituendo interventi su strutture opache della facciata, la tinteggiatura del muretto di cinta, con relativa cancellata, non può rientrare tra i lavori agevolabili secondo il bonus facciate. In più, l’Agenzia ricorda che non sono ammesse al beneficio neanche le spese sostenute per interventi su finestre, grate, portoni e cancelli, recinzioni, tetti…

2020 10 09 agricoltura: Piccola proprietà contadina: l’aliquota al 9% se si trasferisce il terreno prima di 5 anni Risp. Ag.e. n.7

2020 10 09 agricoltura: Piccola proprietà contadina: l’aliquota al 9% se si trasferisce il terreno prima di 5 anni Risp. Ag.e. n.7 di De Stefanis dott. Cinzia 2020 06 24 agev picc propr contad Risp 7 Ag.e. Imposta di registro agevolata per la piccola proprietà contadina con espressa rinuncia nell’atto. Al trasferimento dei terreni agricoli si applica l’imposta di registro con aliquota pari al 9% in luogo dell’aliquota del 15% per il coltivatore diretto o l’imprenditore agricolo professionale che rinunciano espressamente nell’atto notarile alle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina, in quanto consapevoli di non poter rispettare le condizioni previste dalla norma per non decadere dal beneficio. L’Agenzia delle entrate con la Risposta del 24 giugno 2020 n. 7  ha precisato che nel caso di trasferimento di terreni agricoli e relative pertinenze effettuato a favore di: coltivatori diretti imprenditori agricoli professionali iscritti nella relativa gestione previdenziale e assistenziale, senza la richiesta delle “agevolazioni per la piccola proprietà contadina”, l’atto è soggetto all’imposta di registro nella misura del 9%, prevista per “gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere” dall’articolo 1, comma 1, della tariffa, parte prima, allegata al TUR. L’aliquota del 15% si applica solo per i…

2020 10 09 aministratori: L’amministratore paga se la società è solo interposta. Cass. 21790

2020 10 09 aministratori: L’amministratore paga se la società è solo interposta. Cass. 21790 La Corte di Cassazione civ., sez. 5, con l’ordinanza n. 21790 del 09.10.2020 ribadisce l’orientamento secondo cui le sanzioni amministrative relative al rapporto tributario proprio di società o enti con personalità giuridica, ex art. 7 del d. I. n. 269 del 2003, convertito nella legge 326 del 2003, sono esclusivamente a carico della persona giuridica. Tuttavia tale regola incontra un limite nella artificiosa costituzione a fini illeciti della società di capitali, potendo allora le sanzioni amministrative tributarie essere irrogate nei confronti della persona fisica che ha beneficiato materialmente delle violazioni contestate. In tal caso, la persona fisica che ha agito per conto della società è, nel contempo, trasgressore e contribuente, e la persona giuridica è una mera fictio, creata nell’esclusivo interesse della persona fisica. Non opera pertanto l’art. 7 del D.L. n. 269/2003, secondo cui nel caso di rapporti fiscali facenti capo a persone giuridiche le sanzioni possono essere irrogate nei soli confronti dell’ente, in quanto detta norma intende regolamentare l’ipotesi di un amministratore di una persona giuridica che, in forza del proprio mandato, compie violazioni nell’interesse della persona giuridica (Sez.5 n.28331/ 2018; Sez.5 n.5924/2017; Sez.5…

2020 10 09 lavoro dipendente: Busta paga: come si legge
lavoratore dipendente / 2020-10-09

2020 10 09 lavoro dipendente: Busta paga: come si legge Cedolino paga: che cosa significano le principali diciture, voce retributiva, contributi, imposte, competenze e trattenute. La busta paga è un prospetto che il lavoratore riceve, contestualmente al pagamento della retribuzione, nel quale sono indicate le competenze (le somme spettanti al lavoratore) e le trattenute (gli importi che devono essere sottratti al lavoratore, come le tasse e i contributi a suo carico) relative a un determinato periodo (solitamente pari a un mese), in base alle disposizioni del contratto collettivo nazionale di lavoro applicato. Comprendere appieno il contenuto della busta paga non è semplice: le voci che possono figurare nel cedolino sono numerosissime, diverse centinaia, in quanto dipendono dalla contrattazione applicata (pensa che i contratti collettivi nazionali sono circa 900 ed a questi bisogna aggiungere i contratti di secondo livello, territoriali e aziendali; può influire anche la contrattazione individuale): ne abbiamo parlato in Busta paga, spiegazione voci. Anche se risulta praticamente impossibile conoscere in modo completo tutte le voci relative al cedolino paga, è comunque possibile capire il suo contenuto, ossia comprendere qual è il significato delle principali diciture e com’è strutturato il documento. Facciamo allora il punto sulla busta paga: come si legge e come…

2020 10 09 coronavirus: Quando il periodo di quarantena è coperto dalla tutela INPS – messaggio n. 3653
coronavirus covid19 / 2020-10-09

2020 10 09 coronavirus: Quando il periodo di quarantena è coperto dalla tutela INPS – messaggio n. 3653 OGGETTO: Tutela previdenziale della malattia in attuazione dell’articolo 26 del decreto-legge n. 18 del 2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 27 del 2020. Indicazioni operative e chiarimenti per i lavoratori aventi diritto alla tutela previdenziale della malattia. 2020 10 09 periodo malattia Inps messaggio-3653