2020 10 14 credito imposta x canoni locazione negozi Risposta Ag. e. n.468 

2020 10 14 credito imposta x canoni locazione negozi Risposta Ag. e. n.468 Risposta Ag. e. n.468/2020 OGGETTO: Articolo 65 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18. Credito d’imposta per canoni di locazione di botteghe e negozi. 2020 10 13 bonus negozi Risp. Ag. e. 468 Si’ al bonus botteghe e negozi se l’attività sospesa è quella prevalente Con riferimento alla sospensione dei versamenti nel caso di esercizio di più attività nell’ambito della medesima impresa l’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 468 del 13 ottobre, ha chiarito che, se l’attività sospesa a causa delle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica è prevalente rispetto a quella esercitata, è possibile beneficiare del credito di imposta del 60% del canone di locazione pagato nel mese di marzo 2020. La risposta è indirizzata al titolare di un esercizio commerciale con annessa rivendita generi di monopolio che dichiara di svolgere tali attività in un locale appartenente alla categoria catastale C/1. Fonte: https://www.agenziaentrate.gov.it    

2020 10 10 bonus bici: Come e quando ottenere il bonus bici fino a 500 euro
agevolazioni fiscali / 2020-10-10

2020 10 10 bonus bici: Come e quando ottenere il bonus bici fino a 500 euro Dal 4 novembre è disponibile la piattaforma web per chiedere i soldi del bonus bici, tre suggerimenti per non perdere tempo Con sei mesi di ritardo (ufficialmente, il bonus è partito lo scorso 4 maggio), il Governo si prepara a pagare il bonus bici fino a 500 euro a tutti coloro che hanno acquistato una bici (sia “vecchio stile”, sia a pedalata assistita con motorino elettrico) o un monopattino elettrico negli ultimi mesi. A partire dal prossimo 4 novembre, infatti, sarà possibile accedere all’applicativo web che consentirà di presentare domanda. Nella primissima fase, potranno presentare domanda i cittadini che hanno acquistato bici o monopattino nei sei mesi passati. Verranno dunque accettate le domande di chi ha approfittato del bonus, quando il bonus ancora non c’era (almeno materialmente). In una seconda fase, invece, potranno inserire la richiesta di accesso al bonus bici da 500 euro tutti coloro che hanno acquistato il mezzo a partire dal 4 novembre in poi. La procedura non dovrebbe essere troppo complessa ma, come fa notare l’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori), chi ha diritto al bonus deve prepararsi per tempo. Come e quando ottenere…

2020 10 09 agricoltura: Piccola proprietà contadina: l’aliquota al 9% se si trasferisce il terreno prima di 5 anni Risp. Ag.e. n.7

2020 10 09 agricoltura: Piccola proprietà contadina: l’aliquota al 9% se si trasferisce il terreno prima di 5 anni Risp. Ag.e. n.7 di De Stefanis dott. Cinzia 2020 06 24 agev picc propr contad Risp 7 Ag.e. Imposta di registro agevolata per la piccola proprietà contadina con espressa rinuncia nell’atto. Al trasferimento dei terreni agricoli si applica l’imposta di registro con aliquota pari al 9% in luogo dell’aliquota del 15% per il coltivatore diretto o l’imprenditore agricolo professionale che rinunciano espressamente nell’atto notarile alle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina, in quanto consapevoli di non poter rispettare le condizioni previste dalla norma per non decadere dal beneficio. L’Agenzia delle entrate con la Risposta del 24 giugno 2020 n. 7  ha precisato che nel caso di trasferimento di terreni agricoli e relative pertinenze effettuato a favore di: coltivatori diretti imprenditori agricoli professionali iscritti nella relativa gestione previdenziale e assistenziale, senza la richiesta delle “agevolazioni per la piccola proprietà contadina”, l’atto è soggetto all’imposta di registro nella misura del 9%, prevista per “gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di beni immobili in genere” dall’articolo 1, comma 1, della tariffa, parte prima, allegata al TUR. L’aliquota del 15% si applica solo per i…

2020 05 15 agevolazioni fiscali fabbricati: Ecobonus infissi, la detrazione varia a seconda dei lavori: come funziona

2020 05 15 agevolazioni fiscali fabbricati: Ecobonus infissi, la detrazione varia a seconda dei lavori: come funziona L’articolo 128 del Dl Rilancio disciplina il nuovo Ecobonus 110%. Ecco come funziona e quali lavori possono usufruirne Una delle novità del Decreto Rilancio che ha maggiormente attirato le attenzioni dei cittadini è, senza ombra di dubbio, l’Ecobonus al 110% per interventi di efficientamento energetico e di natura strutturale riguardanti il patrimonio immobiliare del nostro Paese. Come detto dal Premier Conte, i proprietari di abitazioni (ma anche affittuari) e chi abita nei condomini potrà realizzare svariati tipologie di lavori di fatto gratuitamente. Il bonus, infatti, potrà essere ceduto direttamente alla ditta che effettua i lavori (il cosiddetto sconto in fattura), che a sua volta potrà utilizzare la cifra sotto forma di credito d’imposta nell’arco di 5 anni. Bisogna però fare attenzione: non tutte le tipologie di lavori e interventi previsti dal “vecchio” Ecobonus (quello al 50% e 65%, per intendersi) daranno diritto all’agevolazione maggiorata. Per alcuni interventi, infatti, restano valide le vecchie percentuali di sgravio, mentre altri possono godere dell’Ecobonus 110% solo se vengono svolti a determinate condizioni.   …. https://quifinanza.it/soldi/video/detrazione-fiscale-ecobonus-finestre/383132/?ref=libero

2020 05 15 agevolazioni fiscali: Ecobonus infissi, la detrazione varia a seconda dei lavori: come funziona

2020 05 15 agevolazioni fiscali: Ecobonus infissi, la detrazione varia a seconda dei lavori: come funziona L’articolo 128 del Dl Rilancio disciplina il nuovo Ecobonus 110%. Ecco come funziona e quali lavori possono usufruirne Una delle novità del Decreto Rilancio che ha maggiormente attirato le attenzioni dei cittadini è, senza ombra di dubbio, l’Ecobonus al 110% per interventi di efficientamento energetico e di natura strutturale riguardanti il patrimonio immobiliare del nostro Paese. Come detto dal Premier Conte, i proprietari di abitazioni (ma anche affittuari) e chi abita nei condomini potrà realizzare svariati tipologie di lavori di fatto gratuitamente. Il bonus, infatti, potrà essere ceduto direttamente alla ditta che effettua i lavori (il cosiddetto sconto in fattura), che a sua volta potrà utilizzare la cifra sotto forma di credito d’imposta nell’arco di 5 anni. Bisogna però fare attenzione: non tutte le tipologie di lavori e interventi previsti dal “vecchio” Ecobonus (quello al 50% e 65%, per intendersi) daranno diritto all’agevolazione maggiorata. Per alcuni interventi, infatti, restano valide le vecchie percentuali di sgravio, mentre altri possono godere dell’Ecobonus 110% solo se vengono svolti a determinate condizioni. La sostituzione delle finestre, ad esempio, è una di queste. La detrazione fiscale Ecobonus infissi varia a seconda che il cambio avvenga all’interno di interventi di…

2020 05 15 agevolazioni fiscali: Superbonus 110%: i vincoli che rischiano di farlo fallire

2020 05 15 agevolazioni fiscali: Superbonus 110%: i vincoli che rischiano di farlo fallire Autore: Carlos Arija Garcia Tempi lunghi e burocrazia pesante potrebbero limitare in modo importante il ricorso alla cessione del credito per beneficiare dell’agevolazione. Non è tutto oro quel che luccica. Un modo di dire che potrebbe applicarsi anche al superbonus del 110% previsto nel decreto Rilancio per chi esegue in casa dei lavori di ristrutturazione edilizia che prevedano un miglioramento energetico (cappotto termico o caldaie a pompa di calore o a condensazione). Leggendo tra le pieghe del decreto (come avevamo già anticipato un paio di giorni fa) si scoprono dei vincoli che rischiano di farlo fallire tra obblighi, visti di conformità, decreti attuativi, requisiti e asseverazioni varie. Una strada molto più tortuosa di quella che finora ha portato alla detrazione del 50% e all’Iva agevolata al 10% per una semplice ristrutturazione.   ….. https://www.laleggepertutti.it/399370_superbonus-110-i-vincoli-che-rischiano-di-farlo-fallire