2020 04 09 antiriciclaggio: recepimento in Italia V Direttiva antiriciclaggio
antiriciclaggio / 2020-04-09

2020 04 09 antiriciclaggio: recepimento in Italia V Direttiva antiriciclaggio Il recepimento in Italia della V Direttiva antiriciclaggio di Paolo Rossi Introduzione È stato recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il d. lgs. 26.10.2019, n. 125, con il quale sono state apportate alcune modifiche alla disciplina prevista dal d. lgs. 21.11.2007, n. 231, in materia di contrasto del riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. Il nuovo intervento normativo, eseguito a soli due anni dall’ultima modifica, si è reso necessario per recepire la V direttiva antiriciclaggio (dir. 2018/843/Ue), adottata dal legislatore europeo per contrastare più efficacemente l’utilizzo del sistema finanziario da parte delle organizzazioni terroristiche, in risposta alle nuove minacce globali già evidenziate in due importanti risoluzioni del 2015 delle Nazioni Unite. Con l’occasione, il legislatore nazionale ha apportato ulteriori correzioni al decreto antiriciclaggio al fine di migliorare il complessivo impianto normativo e di superare taluni rilievi mossi dalla Commissione Europea, che aveva avviato nei confronti dell’Italia una procedura di infrazione a causa del non perfetto recepimento della IV direttiva antiriciclaggio da parte del d. lgs. n. 90/2017. Le modifiche al decreto antiriciclaggio sono divenute efficaci a partire dal 10 novembre. Il contesto di riferimento Come noto, la disciplina contenuta nel d….

2020 03 31 antiriciclagio: Il fascicolo antiriciclaggio
antiriciclaggio / 2020-03-31

2020 03 31 antiriciclagio: Il fascicolo antiriciclaggio Dimitri Barberini – 31/03/2020 Linee guida del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili sul fascicolo del cliente. L’attività di vigilanza e contrasto al riciclaggio di denaro sporco, presuppone la partecipazione di molti soggetti, che siano persone fisiche o giuridiche, privati e pubblici, operanti sul territorio nazionale e internazionale. Questi ultimi, per una migliore azione di prevenzione stesso hanno bisogno di una costante e adeguata formazione. In particolare, sono state emanate lo scorso 23 maggio 2019, dal CNDCEC, delle linee guida, diramate poi dagli ODCEC (Ordini dei Dottori Commercialisti ed esperti Contabili) dei rispettivi capoluoghi sparsi sul territorio nazionale, attraverso delle giornate formative spalmate per tutto l’anno solare 2019-2020. A distanza di un anno l’evoluzione normativa (cfr.V direttiva Antiriciclaggio, accolta con il D.lgs. 125/2019, e “Disposizioni per la conservazione e la messa a disposizione dei documenti, dei dati e delle informazioni per il contrasto del riciclaggio e del Finanziamento del terrorismo”, emanate quest’ultime dalla Banca D’Italia lo scorso 25 Marzo),  risulta ora essere integrativa a questi incontri, i quali, hanno avuto come obiettivo di rendere più semplice e chiaro a commercialisti, operatori economici, avvocati, notai e professionisti le procedure di autovalutazione, redazione e conservazione del materiale…

2020 03 28 antiriciclaggio: Comunicazioni antiriciclaggio sul contante rinviate di 30 giorni
antiriciclaggio / 2020-03-28

2020 03 28 antiriciclaggio: Comunicazioni antiriciclaggio sul contante rinviate di 30 giorni Ranieri Razzante – 28/03/2020 Un provvedimento pubblicato ieri sul sito dell’Uif dispone che le cosiddette “comunicazioni oggettive”, di cui all’art.  47 del d.lgs. 231/2007, che concernono le movimentazioni di conto corrente per importi pari o superiori ai 10.000 euro in contanti, vanno fatte entro il 15 maggio e non il 15 aprile, come prevederebbero le istruzioni dettate dalla stessa Autority con provvedimento del 28 marzo 2019. Essendo, infatti, l’adempimento in parola, da ripetersi ogni quindicesimo giorno del secondo mese che segue quello di riferimento, per cui le movimentazioni (in entrata e in uscita, senza compensazioni) del mese di febbraio 2020 andrebbero inoltrate entro il 15 aprile, la Uif si vede costretta –  dall’emergenza Covid – a concedere un termine più lungo, data la difficoltà organizzativa che affligge oggi le strutture bancarie e postali, principalmente, per le carenze di personale. La logica è la stessa contenuta nel provvedimento della Banca d’Italia dello scorso 20 marzo, riguardante i dati sull’adeguata verifica e le relazioni dei responsabili antiriciclaggio (si veda il Sole 24 Ore del 21 marzo).  L’adempimento sulle oggettive è partito, lo ricordiamo, con il 15 settembre 2019, per espressa previsione…

2020 02 26 antiriciclaggio: limite all’uso del contante
antiriciclaggio / 2020-02-26

2020 02 26 antiriciclaggio: limite all’uso del contante Il Limite per pagamento in contanti nel 2020 passa da 3000 a 2000 euro. Torna a diminuire il limite pagamento contanti che dopo 4 anni passa da 3000 a 2000 euro, ma non è l’unico cambiamento. La Legge di Bilancio 2020 ha ulteriormente ritoccato il limite pagamento contanti in Italia (al di sopra, resta obbligatorio il ricorso a pagamenti elettronici o comunque tracciabili: carte, bonifici, assegni), il divieto di pagamento in contanti e la tracciabilità del pagamento delle spese detraibili IRPEF al 19%. Vediamo nel dettaglio cosa cambia e la stretta introdotta per i medici e per gli altri oneri detraibili. Con il decreto fiscale 2020, il governo introduce infatti una nuova soglia di limitazione all’uso del contante. Le nuove soglie per l’uso dei contanti sono dunque: Limite uso contante dal 1° luglio 2020 e nel 2021: passa da 2.999,99 euro a 1.999,99 euro; Limite uso contante dal 2022: passa da 1.999,99 euro a 999,99 euro. NB: i limiti contanti 2020 si applicano anche per prestiti, regali, donazioni (anche tra parenti). Novità ed eccezioni La nuova soglia di utilizzo della carta moneta comportano che: fino a 1.999 euro sia possibile effettuare i pagamenti in contanti a un’altra persona/azienda; da…

2020 02 18 antiriciclaggio Lettere questionario del CNDCEC ai professionisti per il controllo degli adempimenti antiriciclaggio art.11 d.lgs. 231/2007
antiriciclaggio / 2020-02-18

antiriciclaggio Lettere questionario del CNDCEC ai professionisti per il controllo degli adempimenti antiriciclaggio art.11 d.lgs. 231/2007 2020 02 18 Le richieste si inquadrano nell’attività di vigilanza in materia di adempimenti antiriciclaggio previste dall’art. 11, D.Lgs. 231/2007, così come modificato dal D.Lgs. 25.05.2017, n. 90. Nelle lettere via Pec ricevute dal campione di iscritti è contenuto l’invito a “effettuare tale adempimento obbligatorio entro e non oltre il 28 febbraio 2020”; si specifica che l’omissione o il ritardo sono passibili “di eventuale provvedimento disciplinare ai sensi dell’art. 29 del codice deontologico della professione”. La normativa antiriciclaggio in questione si applica a tutti gli iscritti, non solo al campione selezionato dal Consiglio ai fini dell’attività di vigilanza. ^^^^ DECRETO LEGISLATIVO 21 novembre 2007, n. 231 Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attivita’ criminose e di finanziamento del terrorismo nonche’ della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione. (GU n.290 del 14-12-2007 – Suppl. Ordinario n. 268 ) note:Entrata in vigore del provvedimento: 29/12/2007 Art. 11. (Organismi di autoregolamentazione) – Testo in vigore dal: 10-11-2019 Fermo quanto previsto circa la titolarita’ e le modalita’ di esercizio dei poteri di controllo da parte delle autorita’ di cui…

antiriciclaggio Adeguata verifica clientela Provv BI 2020 02 04 
antiriciclaggio / 2020-02-04

antiriciclaggio Adeguata verifica clientela Provv BI 2020 02 04 PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D’ITALIA DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA E DI CONSERVAZIONE DEI DATI E DELLE INFORMAZIONI PER GLI OPERATORI NON FINANZIARI ISCRITTI NELL’ELENCO DI CUI ALL’ARTICOLO 8 DEL DECRETO-LEGGE 25 SETTEMBRE 2001, N. 350 2020 02 04 antiriciclaggio Adeg ver client Prov BI

2020 01 31 antiriciclaggio: persona politicamente esposta
antiriciclaggio / 2020-01-31

2020 01 31 antiriciclaggio: persona politicamente esposta La nozione di persona politicamente esposta nella legge antiriciclaggio: lex specialis o errore civilistico? (*) Ranieri Razzante – 31/01/2020 Premessa Nella normativa internazionale contro il riciclaggio, una persona politicamente esposta (indicata anche con l’acronimo inglese di PEP – Politically Exposed Person) è definita dal Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (GAFI)[1] come “un individuo a cui è o è stata affidata un’importante funzione pubblica”[2]. A causa della posizione ricoperta e dell’influenza da esse esercitabile, è stato evidenziato che alcune PEPs potrebbero potenzialmente abusare dei propri ruoli, allo scopo di arricchirsi illegalmente, attraverso reati quali la corruzione, la concussione o il peculato. Le PEPs “hanno accesso a significative fonti di risorse pubbliche e possono esercitare influenza o controllo nei confronti di enti pubblici, dei rispettivi bilanci, dei contratti stipulati”[3]. I proventi derivanti da tali reati potrebbero a loro volta essere reimpiegati attraverso pratiche di riciclaggio di denaro. La peculiare posizione ricoperta da tali soggetti fa sì, infatti, che  il rischio che essi compiano attività riciclative a scopo dissimulatorio dei fondi illeciti diventi esponenziale. Ciò è stato evidenziato, ancor prima del GAFI, dal Comitato di Basilea, nel documento Customer due diligence for Banks del 2001, nel quale, al paragrafo dedicato…

2019 10 04 antiriciclaggio Modifiche D.lgs. 125
antiriciclaggio / 2019-10-04

antiriciclaggio Modifiche D.lgs. 125 del 2019 10 04 Modifiche ed integrazioni ai decreti legislativi 25 maggio 2017, n. 90 e n. 92, recanti attuazione della direttiva (UE) 2015/849, nonche’ attuazione della direttiva (UE) 2018/843 che modifica la direttiva (UE) 2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario ai fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo e che modifica le direttive 2009/138/CE e 2013/36/UE. (19G00131) (GU n.252 del 26-10-2019) 2019 10 04 antiriciclaggio Modifica Dlgs 125