Detto del “Tempo delle vacche grasse (magre)” 

Detto del “Tempo delle vacche grasse (magre)” AFORISMI : Tempo di vacche grasse Essere il tempo delle vacche grasse (magre) – (Non essere..) Il detto si riferisce al tempo dell’abbondanza o della carestia. “Il Faraone ebbe un sogno: gli pareva d’essere in riva al Fiume; e dal fiume salivano sette vacche di bell’aspetto e grasse e si misero a pascere nella giuncaia. Dopo di esse ecco altre sette vacche che salivano sulla riva… e divorarono le sette belle e grasse” (Genesi XLI, 1-4). Nel racconto biblico il sogno viene interpretato da Giuseppe come il segno di un periodo d’abbondanza seguito da un tempo di carestia. ^^^ Perché si dice “Tempo di vacche grasse.” e cosa vuol dire? Tempo di abbondanza e prosperità. Nella Genesi, interpreta un sogno del Faraone in cui sette vacche grasse vengono divorate da sette vacche, Giuseppe preannuncia che a sette anni d’abbondanza seguiranno sette anni di carestia. Significa che nei periodi di abbondanza ti devi comportare come nei periodi di carestia. Vacche grasse e vacche magre sono diventate espressioni di uso comune o frasi fatte della lingua italiana e indicano rispettivamente periodi di grande prosperità e periodi di carestia. ^^^ ★ Vacche grasse Vacche grasse e vacche magre sono diventate…

tempestività dell’iniziativa art 24 dlgs 14 2019

tempestività dell’iniziativa art 24 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 24 Tempestivita’ dell’iniziativa note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) Ai  fini  dell’applicazione  delle  misure  premiali  di  cui all’articolo  25,  l’iniziativa  del  debitore  volta   a   prevenire l’aggravarsi della crisi  non  e’  tempestiva  se  egli  propone  una domanda di accesso ad  una  delle  procedure  regolate  dal  presente codice oltre  il  termine  di  sei  mesi,  ovvero  l’istanza  di  cui all’articolo 19 oltre il termine di tre mesi, a decorrere  da  quando si verifica, alternativamente: a) l’esistenza di debiti  per  retribuzioni  scaduti  da  almeno sessanta  giorni  per  un  ammontare   pari   ad   oltre   la   meta’ dell’ammontare complessivo mensile delle retribuzioni; b) l’esistenza di  debiti  verso  fornitori  scaduti  da  almeno centoventi giorni per…

misure premiali art 25 dlgs 14 2019

misure premiali art 25 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 25 Misure premiali note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) All’imprenditore che ha presentato all’OCRI istanza tempestiva a norma dell’articolo 24 e  che  ne  ha  seguito  in  buona  fede  le indicazioni, ovvero ha proposto tempestivamente ai sensi del medesimo articolo domanda di accesso a una delle procedure  regolatrici  della crisi o dell’insolvenza di cui al presente codice che non  sia  stata in seguito dichiarata inammissibile,  sono  riconosciuti  i  seguenti benefici, cumulabili tra loro: a) durante la procedura di composizione assistita della crisi  e sino alla sua conclusione  gli  interessi  che  maturano  sui  debiti tributari dell’impresa sono ridotti alla misura legale; b) le sanzioni tributarie per le quali e’…

OCRI art 16 dlgs 14 2019

OCRI art 16 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 16 OCRI note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) L’OCRI e’ costituito presso  ciascuna  camera  di  commercio, industria, artigianato e agricoltura, con il compito di  ricevere  le segnalazioni di cui gli articoli 14 e 15, gestire il procedimento  di allerta e assistere l’imprenditore, su sua istanza, nel  procedimento di composizione assistita della crisi di cui al capo III. Le segnalazioni dei  soggetti  qualificati  e  l’istanza  del debitore di cui al comma 1 sono presentate all’OCRI costituito presso la camera di commercio nel cui ambito territoriale si trova  la  sede legale dell’impresa. L’organismo  opera  tramite  il  referente,  individuato  nel segretario generale della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o…

obbligo di segnalazzione di creditori pubblici qualificati art 15 dlgs 14 2019

obbligo di segnalazzione di creditori pubblici qualificati art 15 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 30-4-2020 – Art. 15 Obbligo di segnalazione di creditori pubblici qualificati note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) L’Agenzia delle entrate, l’Istituto nazionale della previdenza sociale e l’agente della riscossione hanno l’obbligo, per i primi due soggetti a pena di inefficacia del titolo di prelazione spettante sui crediti  dei  quali  sono  titolari,  per  il   terzo   a   pena   di inopponibilita’ del credito per spese ed  oneri  di  riscossione,  di dare  avviso  al  debitore,  all’indirizzo   di   posta   elettronica certificata di cui  siano  in  possesso,  o,  in  mancanza,  a  mezzo raccomandata  con  avviso  di   ricevimento   inviata   all’indirizzo risultante dall’anagrafe tributaria, che la sua esposizione debitoria ha superato l’importo rilevante…

obbligo di segnalazione degli organi di controllo societari art 14 dlgs 14 2019

obbligo di segnalazione degli organi di controllo societari art 14 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 30-4-2020 – Art. 14 Obbligo di segnalazione degli organi di controllo societari note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) Gli organi di controllo societari, il revisore contabile e la societa’ di revisione, ciascuno nell’ambito delle  proprie  funzioni, hanno l’obbligo di  verificare  che  l’organo  amministrativo  valuti costantemente,  assumendo  le  conseguenti  idonee   iniziative,   se l’assetto  organizzativo  dell’impresa  e’  adeguato,   se   sussiste l’equilibrio  economico  finanziario  e  quale  e’   il   prevedibile andamento della gestione, nonche’ di  segnalare  immediatamente  allo stesso organo amministrativo  l’esistenza  di  fondati  indizi  della crisi. La segnalazione deve essere motivata, fatta per  iscritto,  a mezzo  posta  elettronica  certificata  o  comunque  con  mezzi   che assicurino la prova…

indicatori di crisi art 13 dlgs 14 2019

indicatori di crisi art 13 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 13 Indicatori della crisi  note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) Costituiscono indicatori di crisi gli squilibri di  carattere reddituale, patrimoniale o finanziario,  rapportati  alle  specifiche caratteristiche dell’impresa e dell’attivita’ imprenditoriale  svolta dal debitore, tenuto conto della data di  costituzione  e  di  inizio dell’attivita’,  rilevabili  attraverso  appositi  indici  che  diano evidenza della sostenibilita’  dei  debiti  per  almeno  i  sei  mesi successivi  e  delle  prospettive  di   continuita’   aziendale   per l’esercizio in corso o, quando la durata  residua  dell’esercizio  al momento della valutazione e’ inferiore a sei mesi,  per  i  sei  mesi successivi. A questi  fini,  sono  indici  significativi  quelli  che misurano la  sostenibilita’  degli  oneri  dell’indebitamento  con  i…

strumenti di allerta art 12 dlgs 14 2019

strumenti di allerta art 12 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 12  Nozione, effetti e ambito di applicazione note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) Costituiscono  strumenti   di   allerta   gli   obblighi   di segnalazione posti a carico dei soggetti di cui agli  articoli  14  e 15, finalizzati,  unitamente  agli  obblighi  organizzativi  posti  a carico  dell’imprenditore  dal   codice   civile,   alla   tempestiva rilevazione degli indizi di  crisi  dell’impresa  ed  alla  sollecita adozione delle misure piu’ idonee alla sua composizione. Il debitore, all’esito dell’allerta o anche prima  della  sua attivazione, puo’ accedere al procedimento di composizione  assistita della crisi, che si svolge in modo riservato e confidenziale  dinanzi all’OCRI. L’attivazione della procedura di allerta da parte dei soggetti di cui agli articoli…

doveri delle autorità preposte art. 5 dlgs 14 2019

doveri delle autorità preposte art. 5 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 5 Doveri e prerogative delle autorita’ preposte   note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) I componenti degli organismi  e  dei  collegi  preposti  alle procedure di  allerta  e  composizione  assistita  della  crisi,  ivi compresi i referenti e il personale dei relativi uffici, sono  tenuti all’obbligo  di  riservatezza  su  tutte  le  informazioni  acquisite nell’esercizio delle loro funzioni e devono conservare il segreto sui fatti e sui documenti di cui hanno conoscenza per  ragione  del  loro ufficio. Tutte le nomine dei professionisti effettuate  dall’autorita’ giudiziaria e dagli organi da esse nominati devono essere  improntate a criteri di trasparenza, rotazione ed efficienza; il presidente  del tribunale o, nei tribunali…

doveri delle parti art 4 dlgs 14 2019

doveri delle parti art 4 dlgs 14 2019 Testo in vigore dal: 16-3-2019 – Art. 4 d.lgs. 14/2019 Doveri delle parti note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/2020 salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. Il Decreto-Legge 8 aprile 2020, n. 23 ha successivamente disposto che il presente provvedimento entra in vigore l’1/09/2021, salvo gli artt. 27, comma 1, 350, 356, 357, 359, 363, 364, 366, 375, 377, 378, 379, 385, 386, 387 e 388 che entrano in vigore il 16/03/2019. (Ultimo aggiornamento all’atto pubblicato il 05/11/2020) Nell’esecuzione degli accordi e nelle procedure di regolazione della  crisi  e  dell’insolvenza  e  durante  le  trattative  che  le precedono, debitore e creditori devono comportarsi secondo buona fede e correttezza. In particolare, il debitore ha il dovere di: a) illustrare la propria situazione in modo completo, veritiero e trasparente, fornendo ai creditori tutte le  informazioni  necessarie ed  appropriate  allo  strumento  di  regolazione   della   crisi   o dell’insolvenza prescelto; b) assumere tempestivamente le  iniziative  idonee  alla  rapida definizione della procedura, anche al  fine  di  non  pregiudicare  i diritti dei creditori; c) gestire il patrimonio o l’impresa  durante …