compliance fiscale – dialoghi col fisco a Como 2018 03 21 

compliance fiscale – dialoghi col fisco a Como 2018 03 21 A Como “Dialoghi sul fisco” sulla rotta della Compliance. Il 15 marzo il convegno annuale che mette a confronto Commercialisti e Agenzia delle Entrate. La settimana scorsa si è svolto a Como il convegno annuale “Dialoghi sul Fisco” organizzato dal Coordinamento degli Ordini dei Dottori Commercialisti della Lombardia (CODIS) e dall’Agenzia delle Entrate. L’appuntamento, che tradizionalmente mette a confronto funzionari dell’Agenzia con rappresentanti degli Ordini dei Commercialisti e professori di Diritto tributario sui temi di maggior attualità nel campo fiscale, è stato coordinato da Sandro Litigio, coordinatore CODIS e presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Como. Quest’anno il filo conduttore è stata la Compliance, un tema affrontato sia dal punto di vista nazionale che internazionale, su cui sono intervenuti, tra gli altri il Vice Direttore dell’Agenzia e Capo Divisione Servizi, Paolo Savini, il Presidente del consiglio nazionale DCEC, Massimo Miani, il Direttore regionale della Lombardia, Giovanna Alessio e il consigliere nazionale delegato alla fiscalità CNDCEC, Gilberto Gelosa. Il tema è stato declinato secondo diverse angolazioni tra cui in particolare gli accordi bilaterali internazionali, welfare aziendale e strumenti deflattivi del contenzioso. Argomenti tutti intrecciati fra loro nel prefigurare quali saranno gli…

compliance normativa da wikipedia 2018 03 17

Compliance normativa 2018 03 17 Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. In campo economico con il termine compliance normativa (o regulatory compliance, in italiano anche conformità normativa) si intende la conformità a determinate norme, regole o standard; nelle aziende la compliance normativa indica il rispetto di specifiche disposizioni impartite dal legislatore, da autorità di settore, da organismi di certificazione nonché di regolamentazioni interne alle società stesse. In banca, ad esempio, la “funzione di Compliance” ha il compito di verificare che “le procedure interne siano coerenti con l’obiettivo di prevenire la violazione di norme di etero regolamentazione (leggi e regolamenti) e autoregolamentazione (codici di condotta, codici etici)”[2] al fine di evitare rischi di “incorrere in sanzioni, perdite finanziarie o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme legislative, regolamentari o di autoregolamentazione”[3]. Il concetto di compliance in azienda è solitamente associato anche al concetto di onestà ed etica nei comportamenti spesso in relazione a veri e propri codici etici o principi deontologici dei settori di appartenenza[4]. Indice 1Perché una funzione di Compliance? 2La Compliance è obbligatoria? 3Le regole fondamentali 1Approccio per principi 2Indipendenza 3Rischio di (non) conformità alle norme 4Ruolo degli organi di vertice 5Perimetro normativo 4Compliance e Internal Audit 5I costi della compliance nelle banche (dati 2009…

compliance aziendale 2018 03 17

compliance aziendale 2018 03 17 Compliance n (following law or norm): norma, conformità nf; accordo nm Compliance n (conformity): disciplina nf; obbedienza nm Compliance è la conformità delle attività aziendali alle disposizioni normative, ai regolamenti, alle procedure ed ai codici di condotta (che di seguito per brevità identificheremo con il termine “Norme”). A puro titolo esemplificativo, tra le disposizioni normative più note che “regolano” l’attività aziendale ricordiamo: il D.Lgs. 626/94 “Sicurezza sul lavoro”; il D.Lgs. 231/01 “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche”; il D.Lgs. 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali” cd. Codice Privacy. La compliance aziendale è quindi un’attività preventiva che si preoccupa di prevenire il rischio di non conformità dell’attività aziendale alle Norme, suggerendo –ove si riscontrino disallineamenti- le più opportune soluzioni. Per quanto detto, la Funzione Compliance è la struttura organizzativa cui è affidato il compito di: prevenire i disallineamenti tra le procedure aziendali e l’insieme delle regole interne ed esterne all’azienda; assistere le strutture aziendali nell’applicazione delle Norme; predisporre interventi formativi per adeguare le procedure interne dei dipendenti e dei collaboratori alle Norme; coordinare e garantire l’attuazione degli adempimenti richiesti dalle Norme; segnalare le più recenti novità normative al fine di aggiornare periodicamente la documentazione in essere presso l’azienda; risolvere situazioni di discordanza tra le Norme in vigore e…

compliance aziendale 2018 03 16

compliance aziendale 2018 03 16 Cos’è la Compliance aziendale? Una funzione di cui si sente sempre più spesso parlare e spesso senza individuarne il significato e i confini operativi di questo ruolo strategico per la competitività aziendale e, in alcuni casi, anche richiesto dai regolamenti. L’esperto di Compliance è colui che cura e consolida l’immagine aziendale dal punto di vista della correttezza delle procedure e del rispetto delle norme. Tutto ciò, al fine di non incorrere in sanzioni che potrebbero danneggiare la reputazione dell’azienda nei confronti dei clienti, dei partner e di tutti gli stakeholders in generale. Questo significato ultimo di Compliance vale soprattutto in quegli ambiti di business nei quali la fiducia è un elemento imprescindibile per la transazione. Non per altro, accordi sovranazionali di settore richiedono espressamente l’attivazione di una funzione Compliance: è il caso di Basilea II per ciò che riguarda il settore bancario o le best practices del settore finanziario-assicurativo. Lo stesso vale per le imprese quotate in borsa che fanno, della sicurezza nel mantenimento di uno standard qualitativo alto, lo strumento necessario nel rapporto con gli investitori. Ciò che differenzia la Compliance dall’Internal Audit è il fatto che quest’ultimo è solo uno dei presidi dei quali si serve la Compliance per un controllo di qualità trasversale tra…

compliance fiscale – collaborazione tra Agenzia Entrate e GDF – seminario a Palermo 2017 09 20 

compliance fiscale – collaborazione tra Agenzia Entrate e GDF – seminario a Palermo 2017 09 20 Controversie tributarie pendenti al centro di un seminario a Palermo. Un rapporto collaborativo con l’Agenzia per una maggiore certezza, stabilità, tutela della legalità e simmetria tra doveri e diritti. “Definizione delle liti fiscali pendenti e altre novità introdotte in ordine al contenzioso tributario”: è questo il titolo del seminario, organizzato dall’Uncat (Unione nazionale e camere avvocati tributaristi), in collaborazione con la Camera degli Avvocati tributaristi, la Confcommercio e l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Palermo, che si è svolto lunedì nel capoluogo siciliano. Il focus prioritario dell’incontro ha riguardato il nuovo istituto introdotto dalla manovra correttiva (Dl 50/2017) – a cui i contribuenti interessati possono aderire entro il prossimo 2 ottobre – che consente di definire le controversie tributarie, in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, pendenti in ogni stato e grado di giudizio, compreso quello in Cassazione e anche a seguito di rinvio e nelle quali il ricorso di primo grado sia stato notificato entro il 24 aprile 2017 (data di entrata in vigore del Decreto legge). L’incontro, a cui ha partecipato in qualità di relatore il Direttore regionale della…

compliance fiscale – convegno a Milano 2016 07 29 

compliance fiscale – convegno a Milano 2016 07 29 A Milano un convegno sulla “compliance fiscale”. Agenzia, professionisti e intermediari allo stesso tavolo per discutere dell’assistenza ai contribuenti. Collaborare per un fisco più semplice, equo e trasparente e soprattutto per rendere un servizio di assistenza efficiente ai cittadini. Questo il tema degli incontri organizzati dalla Direzione regionale della Lombardia nell’ultima settimana. Lo scorso 26 luglio, l’Agenzia ha infatti incontrato gli intermediari e, il 28 luglio, ha approfondito il tema con un convegno ad hoc “L’Agenzia delle Entrate cambia verso”, organizzato dalla Direzione regionale della Lombardia in collaborazione con gli Ordini dei commercialisti e degli esperti contabili appartenenti al Codis (Coordinamento degli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili dell’Italia settentrionale). Al convegno presenti il Direttore regionale delle Entrate, Giovanna Alessio, e il presidente del Codis, Mario Tagliaferri, che insieme a rappresentanti di entrambe le organizzazioni si sono confrontati sulle iniziative già avviate dall’Agenzia per garantire un dialogo preventivo con i contribuenti e con i professionisti che li rappresentano. I momenti di dialogo e confronto – ha sottolineato il Direttore regionale – sono importanti per individuare congiuntamente strategie e soluzioni utili a garantire una sempre maggiore efficienza del sistema tributario…

compliance fiscale – lettere di compliance 2016 07 22

compliance fiscale – lettere di compliance 2016 07 22 Lettere di compliance, dialogo con le associazioni di categoria In programma anche un approfondimento su come gestire l’assistenza con i canali telematici. In seguito all’invio delle circa 12 mila lettere per informare i cittadini lombardi su possibili errori o dimenticanze nei redditi dichiarati per il 2012, l’Agenzia avvia una serie di incontri che vedranno convolti i centri di assistenza fiscale (Caf) e le associazioni che rappresentano il mondo delle imprese e delle categorie professionali della Lombardia per organizzare al meglio l’attività di assistenza fiscale. Il primo appuntamento – Il primo incontro informativo, rivolto ai Caf e alle associazioni di categoria e delle imprese, si terrà il prossimo 26 luglio presso la sede della Direzione regionale della Lombardia in via Moscova 4 a Milano – Sala videoconferenze – a partire dalle ore 10. L’Agenzia illustrerà i vantaggi delle nuove iniziative per favorire la “compliance fiscale” che prevedono per i contribuenti la possibilità di regolarizzare la propria posizione fiscale in modo semplice e agevolato. Un focus sui servizi telematici – Tra gli argomenti in programma è previsto anche un approfondimento su come gestire l’attività di assistenza attraverso i canali telematici messi a disposizione dall’Agenzia. Gli…

compliance fiscale – fisco e garante contribuente a Palermo 2016 06 15

compliance fiscale – fisco e garante contribuente a Palermo 2016 06 15 Fisco e Garante del contribuente per la legalità fiscale. L’obiettivo è sviluppare un dialogo continuo e costruttivo tra Amministrazione finanziaria e cittadini. Promuovere la legalità fiscale, contrastando i fenomeni evasivi, e far crescere la tax compliance.  Sono questi i pilastri, ribaditi nell’incontro tenutosi a Palermo tra Salvatore Forastieri, Garante del Contribuente per la Sicilia e Pasquale Stellacci, Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, su cui si basa la collaborazione ormai quindicinale tra le due istituzioni. Il Garante del Contribuente, infatti, opera al fianco dell’Agenzia per mantenere un alto livello nella qualità dei servizi offerti alla collettività e facilitare il rapporto tra A.F. e cittadini, limitando l’instaurarsi di eventuali contenziosi. Un rapporto di fiducia che dall’altro lato vede l’Agenzia delle Entrate in continuo ascolto, per risolvere le criticità segnalate dal Garante e per fornire chiarimenti sulla materia fiscale, tutelando al massimo i diritti del contribuente. Durante l’incontro è stata prevista l’istituzione di un tavolo tecnico permanente che, con cadenza bimestrale, si riunirà per esaminare e risolvere i casi più rilevanti di interesse dei contribuenti. pubblicato Mercoledì 15 Giugno 2016 http://www.fiscooggi.it/dalle-regioni/sicilia/articolo/fisco-e-garante-del-contribuente-legalita-fiscale  

compliance fiscale – correttezza e trasparenza 2012 09 12

compliance fiscale – correttezza e trasparenza 2012 09 12 Correttezza e trasparenza. Direttrici verso la compliance . Il modello formativo dell’Agenzia delle Entrate, calibrato sul paradigma per cui è l’equità di trattamento a influenzare positivamente la morale fiscale dei contribuenti. Lo studio del comportamento sociale può fornire un contributo determinante all’analisi delle problematiche fiscali e allo studio dei sistemi tributari. Il tema della “psicologia fiscale” negli ultimi anni sta passando con successo dalle ricerche accademiche ai dibattiti sulle riforme fiscali e ai documenti di indirizzo delle Amministrazioni finanziarie. Valori, comportamenti, abitudini e aspettative dei contribuenti diventano variabili importanti da considerare nelle scelte di politica fiscale, nella definizione delle procedure di assolvimento degli obblighi tributari e nel modello di relazione tra Amministrazione e cittadino. Ispirano nuove idee e approcci su come spingere, in modo più o meno “gentile”, i contribuenti a pagare la tasse. Negli Stati moderni l’adempimento spontaneo e l’autotassazione rappresentano le modalità ordinarie con cui i cittadini partecipano allo Stato e al funzionamento delle istituzioni. Quando il fisco acquisisce storicamente una dimensione “contrattuale”, il comportamento del contribuente e la sua motivazione ad adempiere spontaneamente agli obblighi fiscali (tax compliance) assumono un ruolo determinante nel sistema di tassazione. Il passaggio più…