2020 05 03 Domicilio, abitazione o dimora: gli spostamenti consentiti senza rischiare multe

2020 05 03 Domicilio, abitazione o dimora: gli spostamenti consentiti senza rischiare multe Il Dpcm in vigore dal 4 maggio consente di rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Cosa significa e quali sono gli spostamenti consentiti? di Lucia Izzo – Da lunedì 4 maggio saranno in vigore le nuove regole dettate dal Governo per affrontare l’emergenza dovuta alla diffusione del Coronavirus. Il D.P.C.M. firmato da Conte lo scorso 26 aprile prevede, tra l’altro, un allentamento degli assai stringenti divieti di spostamento che hanno avuto effetto durante questa prima fase emergenziale. Si tratta di una “timida” apertura poiché viene sottolineata la necessità di dover continuare a mantenere le distanze allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19. Gli spostamenti consentiti La residenza Il domicilio L’abitazione La dimora Gli spostamenti consentiti Saranno ancora consentiti i soli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Tuttavia, il decreto ricomprende nel novero degli spostamenti quelli per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro e vengano utilizzate protezioni delle vie respiratorie (leggi Chi sono i congiunti). Gli spostamenti, inoltre, saranno consentiti all’interno della Regione ed eccezionalmente in una Regione diversa da quella in cui si trova, ma esclusivamente…