2020 04 30 imposta di registro: Vendita prima casa: termine

2020 04 30 imposta di registro: Vendita prima casa: termine Bonus prima casa: entro quanto tempo si può vendere l’immobile senza perdere le agevolazioni.  Vuoi vendere il tuo appartamento nuovo di zecca, ma non sai se la legge te lo consente? Il proprietario della casa può fare ciò che vuole della proprietà: può cioè acquistarla e poi rivenderla, può donarla, può concederla in usufrutto o, al contrario, rinunciare alla nuda proprietà. Ma attenzione: quando l’acquisto dell’immobile è avvenuto godendo delle agevolazioni fiscali previste per la «prima casa» ci sono dei limiti. Limiti di carattere temporale, rivolti ad evitare che, dietro l’operazione immobiliare, si possa nascondere una speculazione. Ti potrai fare, a questo punto, una serie di domande: qual è dunque il termine per la vendita della prima casa e come fare per sapere se si è soggetti a tale vincolo? In altri termini, come scoprire se si è usufruito del bonus fiscale (il cosiddetto «bonus prima casa»?). Cerchiamo di fare il punto della situazione. Indice 1Bonus prima casa: come scoprire se c’è 2Vendita prima casa: termine 3Vendita prima casa: sanzioni per violazione del termine    …… https://www.laleggepertutti.it/394534_vendita-prima-casa-termine

2020 04 30 imposta di registro: Il mutuo surclassa il costo d’acquisto. Sì all’accertamento al valore normale. La perizia di stima solo meri indizi
imposta di registro / 2020-04-30

2020 04 30 imposta di registro: Il mutuo surclassa il costo d’acquisto. Sì all’accertamento al valore normale. La perizia di stima solo meri indizi Ribadito il principio di diritto in base al quale la perizia di stima non è prova nel giudizio tributario. Le conclusioni in essa contenute possono configurarsi solo come meri indizi La tematica del rapporto tra valore normale di un bene immobile (appartamento) compravenduto e il relativo importo richiesto, dagli acquirenti, a titolo di mutuo è oggetto dell’ordinanza della Corte di cassazione n. 7367 del 17 marzo 2020. Con tale pronuncia, i supremi giudici hanno, in via preliminare, ripercorso sinteticamente la vicenda processuale nella quale una società immobiliare si era vista rigettare, dalle Commissioni di merito, sia il ricorso introduttivo di primo grado sia il successivo atto di appello. sulla base dei seguenti principi. Il fatto La contribuente aveva venduto appartamenti a corrispettivi differenti, pur con riferimento a medesime soluzioni abitative, ricevendo, per questo, un avviso di accertamento per l’anno d’imposta 2005 (ai sensi del combinato disposto di cui agli articoli 39 e 40 del Dpr n. 600/1973, 24 e 25 del Dpr n. 446/1997 e 54 del Dpr 633/1972), per aver registrato evidenti differenze tra i…

2020 04 15 imposta di registro: No all’accertamento fiscale basato solo sulle quotazioni OMI e sul valore di ipoteca della Banca

2020 04 15 imposta di registro: No all’accertamento fiscale basato solo sulle quotazioni OMI e sul valore di ipoteca della Banca Di Giuseppe Russo Le quotazioni OMI, risultanti dal sito web dell’Agenzia delle entrate, non costituiscono una fonte tipica di prova del valore venale in comune commercio del bene oggetto di accertamento, ai fini dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale, essendo idonee a condurre ad indicazioni di valore di larga massima (Cass. n. 25707 del 2015). Il riferimento alle stime effettuato sulla base dei valori OMI, per aree edificabili del medesimo comune, non è quindi idoneo e sufficiente a rettificare il valore dell’immobile, tenuto conto che il valore dello stesso può variare in funzione di molteplici parametri quali l’ubicazione, la superficie, la collocazione nello strumento urbanistico, nonché lo stato delle opere di urbanizzazione (Cass. n. 18651 del 2016; Cass. n. 11439 e 21813 del 2018). Anche l’iscrizione ipotecaria (della Banca) non costituisce quell’elemento grave preciso e concordante utile al fine di individuare il reale valore dell’immobile oggetto di compravendita. La ratio dell’iscrizione è, infatti, quella di garantire l’Istituto di credito anche per tutti gli interessi legali e moratori, le spese legali e giudiziarie «fino a concorrenza dell’importo effettivamente dovuto» che, eventualmente, sarà tenuto…

2020 04 14 coronavirus: Decadenza agevolazione prima casa: le sanzioni e come evitarle

2020 04 14 coronavirus: Decadenza agevolazione prima casa: le sanzioni e come evitarle I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulla sospensione dei termini previsti dalla normativa sulle agevolazioni prima casa e le sanzioni legate alla perdita dell’agevolazione prima casa. di Andrea Baldini   Decadenza agevolazione acquisto prima casa. Le sanzioni dovute in caso di decadenza dell’agevolazione prima casa: in caso di mancato riacquisto di immobile entro 12 mesi, o in caso di mancato trasferimento della residenza nel Comune. Comunicazione all’ufficio accertatore per evitare l’applicazione di sanzioni. L’art. 24 del Decreto Liquidità dispone la sospensione dei termini previsti dalla normativa in materia di agevolazioni “prima casa”, entro i quali effettuare alcuni adempimenti al fine di evitare la decadenza dall’agevolazione per coloro che ne hanno usufruito. L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 9/E/2020, ha chiarito quali sono le scadenze del periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2020, la cui decorrenza riprenderà dal 1° gennaio 2021. Devi sapere, infatti, che se vengono meno i requisiti per l’agevolazione prima casa la legge prevede un meccanismo sanzionatorio particolarmente severo. Tuttavia il contribuente, tramite alcuni accorgimenti, avrà la possibilità di evitare la sanzione agevolazione prima casa. In questo contributo vedremo nel dettaglio come ti devi comportare nel caso in cui vengano meno i requisiti per l’agevolazione prima…

2020 02 22 imposta di registro: Accertamento in base alle quotazioni OMI

2020 02 22 imposta di registro: Accertamento in base alle quotazioni OMI Ai fini dell’imposta di registro, l’accertamento del maggior valore dell’immobile non si può basare solo sulle quotazioni OMI, che risultano dal sito dell’Agenzia delle Entrate, perché il valore del cespite può variare in funzione di diversi parametri. A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza numero 4076 del 18 febbraio 2020. ……..   https://www.informazionefiscale.it/accertamento-imposta-di-registro-quotazioni-omi-agenzia-delle-entrate

2020 02 18 imposta registro: contenzioso: rettifica valore immobile in base tabelle Omi illegittima: Cass.4075

2020 02 18 imposta registro: contenzioso: rettifica valore immobile in base tabelle Omi illegittima: Cass.4075 Valore dell’immobile venduto, rettificato dal fisco sulla base delle tabelle OMI: procedura illegittima. L’avviso di rettifica e liquidazione relativo all’atto di compravendita di un fabbricato va motivato dall’Agenzia delle entrate. La Corte di cassazione, con la sentenza n. 4075 del 18 febbraio 2020, ha accolto il ricorso del contribuente che contestava, oltre all’operato dell’Amministrazione finanziaria, la sentenza della Commissione tributaria regionale. ^^^^^^^^^^^^^^ Cassazione civile sez. trib., 18/02/2020, (ud. 12/12/2019, dep. 18/02/2020), n.4075 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente – Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere – Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere – Dott. LO SARDO Giuseppe – Consigliere – Dott. PEPE Stefano – rel. Consigliere – ha pronunciato la seguente: SENTENZA sul ricorso iscritto al n. 24099/2014 R.G. proposto da: C.A., rappresentato e difeso dall’avv. Daniele Sterrantino ed elettivamente domiciliato presso il suo studio in Roma, via Crescenzio n. 62; – ricorrente – contro AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F.: (OMISSIS)), in persona del Direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato (C.F.: (OMISSIS)), presso i cui uffici in Roma, Via dei Portoghesi 12,…

2020 02 06 imposta di registro Resta edificabile e tassabile l’area destinata a servizi pubblici Cass. 2818
imposta di registro / 2020-02-06

imposta di registro Resta edificabile e tassabile l’area destinata a servizi pubblici Cass. 2818 2020 02 06 Resta edificabile e tassabile l’area destinata a servizi pubblici I vincoli posti dal piano regolatore generale non modificano la natura originaria del bene quindi, ai fini fiscali, i limiti di utilizzo incidono solo sul suo valore commerciale SINTESI: L’inclusione di un’area in una zona destinata dal piano regolatore generale a servizi pubblici o di interesse pubblico (quali parcheggi, strade, verde pubblico attrezzato) incide senz’altro nella determinazione del valore venale dell’immobile, da valutare in base alla maggiore o minore potenzialità edificatorie, ma non ne esclude l’oggettivo carattere edificabile, atteso che i vincoli d’inedificabilità assoluta, stabiliti in via generale e preventiva nel piano regolatore generale, vanno tenuti distinti dai vincoli di destinazione che non fanno venir meno l’originaria natura edificabile; pertanto la cessione di tali aree a titolo oneroso è idonea a determinare l’insorgenza di una plusvalenza imponibile ai fini Irpef a norma dell’articolo 67, comma 1, lettera b), del Dpr n. 917 del 1986, dovendosi considerare che non sussiste alcun elemento interpretativo dal quale desumere che l’espressione ‘terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria’, contenuta nella norma citata, possa tradursi nella più restrittiva accezione di ‘terreni suscettibili…

2020 01 31 imposta registro: vendita terreno ad un prezzo inferiore a quello affrancato legittimo Cas. SSUU 2321

2020 01 31 imposta registro: vendita terreno ad un prezzo inferiore a quello affrancato legittimo Cas. SSUU 2321 La Cass. SS.UU., con la sentenza n. 2321 del 31 gennaio 2020, ha finalmente  posto fine a una interpretazione assurda da parte dell’A.F. che si trascinava dal 2002. Si trattava del trattamento da riservare alle vendite di terreni plusvalenti, già  rivalutati, ad un prezzo inferiore a quello di perizia. La scelta era tra essere soggetti ad accertamento con un valore di costo riconosciuto pari a quello storico  oppure, dichiarando anche il valore periziato, essere soggetti alle imposte di registro, ipotecarie e catastali sul valore di perizia. Interpretazione chiaramente insostenibile, anche se più di qualche sentenza di Cassazione, per fortuna in misura minoritaria, così aveva anche confermato. …….. 2020 01 31 imp registro vend terr a prezzo inferiore periz Cas SU 2321

2020 01 15 imposta di registro Il terreno non più edificabile Conta la natura del bene alla data dell’atto Cass. 561

imposta di registro Il terreno non più edificabile Conta la natura del bene alla data dell’atto Cass. 561 2020 01 15   Il terreno non è più edificabile: per il Registro conta la data dell’atto. Legittimo il comportamento dell’ufficio, che ha determinato il valore sulla base della sua natura con riferimento al momento in cui si producono i relativi effetti traslativi o costitutivi Il valore degli immobili da considerare ai fini del pagamento dell’imposta di registro deve essere determinato tenendo conto della natura del bene alla data dell’atto, senza che abbiano rilievo le successive vicende giudiziarie relative al medesimo bene. Questo è il principio sancito dalla Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 561 del 15 gennaio 2020. Prima di esaminare la vicenda specifica, occorre premettere che, ai fini dell’imposta di registro dovuta per i trasferimenti immobiliari, la base imponibile è determinata secondo regole diverse in quanto: in base agli articoli 43 e 51 del testo unico sull’imposta di registro, Dpr n. 131/1986 (Tur), la base imponibile è determinata dal valore venale in comune commercio del bene trasferito il comma 497 dell’articolo 1 della legge n. 266/2005, in deroga alla normativa sopra richiamata, ha disposto che per le sole cessioni nei…

2019 12 12 imposta di registro Tassazione atti formati per corrispondenza Finanz soci Cass 32516

imposta di registro Tassazione atti formati per corrispondenza Finanziamenti soci Cass 32516 del 2019 12 12 E’ soggetto all’imposta di registro l’atto relativo al finanziamento concesso da una società nei confronti di un’altra società, questo anche se l’atto non sia stato registrato, poiché sia stato formato mediante corrispondenza. 2020 02 12 imp registro atti format x corrispondenz Cas 32516