2020 10 09 lavoro dipendente: Busta paga: come si legge
lavoratore dipendente / 2020-10-09

2020 10 09 lavoro dipendente: Busta paga: come si legge Cedolino paga: che cosa significano le principali diciture, voce retributiva, contributi, imposte, competenze e trattenute. La busta paga è un prospetto che il lavoratore riceve, contestualmente al pagamento della retribuzione, nel quale sono indicate le competenze (le somme spettanti al lavoratore) e le trattenute (gli importi che devono essere sottratti al lavoratore, come le tasse e i contributi a suo carico) relative a un determinato periodo (solitamente pari a un mese), in base alle disposizioni del contratto collettivo nazionale di lavoro applicato. Comprendere appieno il contenuto della busta paga non è semplice: le voci che possono figurare nel cedolino sono numerosissime, diverse centinaia, in quanto dipendono dalla contrattazione applicata (pensa che i contratti collettivi nazionali sono circa 900 ed a questi bisogna aggiungere i contratti di secondo livello, territoriali e aziendali; può influire anche la contrattazione individuale): ne abbiamo parlato in Busta paga, spiegazione voci. Anche se risulta praticamente impossibile conoscere in modo completo tutte le voci relative al cedolino paga, è comunque possibile capire il suo contenuto, ossia comprendere qual è il significato delle principali diciture e com’è strutturato il documento. Facciamo allora il punto sulla busta paga: come si legge e come…

2020 04 30 lavoro dipendente: Stipendio netto 2020
lavoratore dipendente / 2020-04-30

2020 04 30 lavoro dipendente: Stipendio netto 2020 Lo stipendio netto 2020 è calcolato tenendo conto dei contributi, della tassazione e delle ulteriori voci che decurtano la retribuzione lorda Come calcolare lo stipendio netto 2020 Stipendio netto 2020: cosa sottrarre Stipendio netto 2020: cosa aggiungere Stipendio netto e bonus Renzi Come calcolare lo stipendio netto 2020 Per calcolare lo stipendio netto 2020 occorre conoscere l’ammontare lordo della retribuzione della quale si ha diritto. Da tale somma, infatti, vanno sottratte tutte le voci che, per una ragione o per un’altra, non entrano nelle tasche del lavoratore, sulla cui incidenza in concreto vanno a incidere diversi fattori, anche in maniera vantaggiosa per il dipendente. ….. https://www.studiocataldi.it/articoli/38301-stipendio-netto-2020.asp ^^^^ Calcolo stipendio netto Lo stipendio netto è la retribuzione che entra effettivamente nelle tasche dei lavoratori, già decurtata di tasse, contributi e trattenute Calcolo stipendio netto 2020 La busta paga Stipendio netto: importi vantaggio del lavoratore Tassazione stipendio Lo stipendio netto nel part-time Lo stipendio netto nell’apprendistato Calcolo stipendio netto 2020 Il calcolo dello stipendio netto, nel 2020 come negli altri anni, è fatto detraendo dalla retribuzione lorda molteplici voci. Anche conosciuti come fattori detrattivi, si tratta innanzitutto dei famosi contributi previdenziali quali l’Imposta sul Reddito delle…

2020 04 15 lavoro dipendente: Assunzione socio srl come dipendente

2020 04 15 lavoro dipendente: Assunzione socio srl come dipendente Autore: Tiziana Costarella Far parte di una società non sempre equivale a prestare attività lavorativa. La tua posizione può subire un cambiamento. Alcune indicazioni sulla normativa applicabile in tema di srl. Fai parte di una società a responsabilità limitata e desideri prestare attività lavorativa presso la stessa? Ti stai chiedendo come fare e quali sono le possibili conseguenze cui puoi andare incontro? La normativa in materia è piuttosto complessa, ma vi sono dei punti di riferimento certi che ti possono aiutare. In questa breve disamina proveremo a chiarire i tuoi dubbi e a individuare insieme le procedure da seguire. In particolare, ci occuperemo della controversa questione dell’assunzione di un socio srl come dipendente. Devi sapere, infatti, che in tema di società si applicano delle categorie giuridiche a sé stanti e delle differenze sostanziali. Ad esempio, la prima distinzione che bisogna fare è quella tra persona fisica e persona giuridica.   …… https://www.laleggepertutti.it/373307_assunzione-socio-srl-come-dipendente

2020 04 07 coronavirus: congedo x emergenza covid Msg Inps 1516

2020 04 07 coronavirus: congedo x emergenza covid Msg Inps 1516 OGGETTO: Circolare n. 45 del 2020. Congedo per emergenza COVID-19 in favore dei lavoratori dipendenti del settore privato, dei lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e dei lavoratori autonomi. Estensione dei permessi retribuiti di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/1992, per i lavoratori dipendenti del settore privato. Proroga del congedo di cui all’articolo 23 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, in conseguenza del D.P.C.M. del 1° aprile 2020 2020 04 07 congedo x emergenza covid msg Inps

2020 03 18 coronavirus: quarantena come malattia: novità nel decreto Cura Italia

2020 03 18 coronavirus: quarantena come malattia: novità nel decreto Cura Italia Teresa Maddonni Coronavirus: quarantena come malattia e a prevedere questa novità è proprio il decreto Cura Italia approvato il 16 marzo e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17. Vediamo cosa significa e in cosa consiste e le specifiche misure per chi ha disabilità. Coronavirus: la quarantena è come la malattia. Questa è decisamente la grande novità del decreto Cura Italia entrato in vigore ieri 17 marzo. Main cosa consiste? Il decreto Cura Italia pubblicato nella giornata di ieri in Gazzetta Ufficiale dopo la sua approvazione da parte del Consiglio dei Ministri il 16 marzo prevede misure per famiglie e imprese per una copertura iniziale di 25 miliardi di euro. La quarantena come malattia per l’emergenza coronavirus è un’importante misura per i dipendenti privati, ma soprattutto per i datori di lavoro perché l’onere è a carico dello Stato. Vediamo in cosa consiste la quarantena come malattia e cosa prevede per lavoratori con disabilità il decreto. …… https://www.money.it/Coronavirus-quarantena-come-malattia-novita-decreto-Cura-Italia?utm_source=notifichepush

2020 03 13 lavoro dipendente: il danno da demansionamento va provato Cass. 6941
lavoratore dipendente / 2020-03-13

2020 03 13 lavoro dipendente: il danno da demansionamento va provato Cass. 6941 Cassazione: il danno da demansionamento va provato Cass. ordinanza 6941/2020- Gli Ermellini ricordano che il danno da demansionamento non è automatico, il lavoratore deve allegare fatti da cui il giudice può desumerne l’esistenza   https://www.studiocataldi.it/articoli/37679-cassazione-il-danno-da-demansionamento-va-provato.asp  

2020 02 27 coronavirus: smart working

2020 02 27 coronavirus: smart working Smart working da coronavirus, istruzioni operative 27/02/2020   Semplificazioni per le aziende fino al 15.03.2020 nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria: non serve l’accordo del lavoratore. Sintesi del primo pacchetto Mise per le imprese dei Comuni delle zone rosse. La disciplina straordinaria agevolata sullo smart working introdotta dal Dpcm 25.02.2020 (“Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, in Gazzetta Ufficiale 25.02.2020, n. 47), consente all’azienda 2 semplificazioni procedurali: non è necessario l’accordo con il lavoratore; l’informativa sui rischi generali per la salute e sicurezza sul lavoro (art. 22, L. 22.05.2017, n. 81) può essere inviata per e-mail, anche ricorrendo alla documentazione disponibile sul sito Inail. La modalità di lavoro agile (artt. da 18 a 23, L. 22.05.2017, n. 81) è applicabile fino al 15.03.2020 nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria. Sono previsti i seguenti 2 casi: datori di lavoro aventi sede legale o sede operativa nelle Regioni interessate; lavoratori residenti o domiciliati nelle Regioni interessate, che svolgono attività lavorativa fuori da tali territori. Datore di lavoro – L’azienda, presa la decisione di adottare il lavoro agile, può comunicare tale…

lavoro dipendente – pagamento retribuzioni inferiori – reato estorsione e autoriciclaggio Cass 25979 2018 06 15

lavoro dipendente – pagamento retribuzioni inferiori – reato estorsione e autoriciclaggio Cass 25979 2018 06 15 La sentenza n. 25979/2018 della seconda sezione penale della Cassazione stabilisce che i datori di lavoro che costringono i dipendenti ad accettare retribuzioni più basse del dovuto, dissimulando l’origine dei fondi, rispondono sia del reato di estorsione che di autoriciclaggio La seconda sezione penale della Corte di Cassazione con la sentenza 25979/2018, stabilisce che qualora l’impresa utilizzi le retribuzioni estorte al dipendente per autofinanziare l’attività imprenditoriale, in modo da ostacolare la corretta identificazione della provenienza delle somme, commette reato di autoriciclaggio. 2018 06 15 lavoro dipenente retribuz inferiore reato cas25979