lavoro subordinato: prestatore lavoro subordinato art. 2094 cc
lavoro subordinato / 2021-02-14

lavoro subordinato: prestatore lavoro subordinato art.2094 cc Art. 2094 c.c. (Prestatore di lavoro subordinato) È prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore. _______________ Riders, va estesa tutela del lavoro subordinato del Jobs Act, Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 24 gennaio 2020, n. 1663. Collaboratori di studi legali: quando scatta lo status di dipendenti, Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 10 settembre 2019, n. 22634. Subordinazione: i criteri distintivi devono essere univoci, Cassazione civile, sez VI lavoro, ordinanza 27 giugno 2019, n. 17384. Subordinazione, anche per la carica dirigenziale occorre l’eterodirezione, Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 19 novembre 2018 n° 29761. Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 28 luglio 2008, n. 20532 e Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 27 luglio 2009, n. 17455 in Altalex Massimario. Per approfondimenti leggi l’articolo “Lavoro subordinato: la Cassazione ripercorre gli elementi qualificanti della subordinazione” tratto da In Pratica Lavoro.   https://www.altalex.com/documents/news/2014/11/27/del-lavoro-nell-impresa  

lavoratori dipendenti: tutela condizioni di lavoro Art. 2087 c.c.

lavoratori dipendenti: tutela condizioni di lavoro Art. 2087 c.c. Tutela delle condizioni di lavoro. L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro (1). Per approfondimenti vedi la guida sul mobbing. Mobbing: spetta al lavoratore provarlo, Cassazione civile, sez. lavoro, ordinanza 23 giugno 2020, n. 12364 Pubblico impiego: la laurea non dà diritto a mansioni superiori, Cass. Civile, sez. III, sentenza 17 aprile 2013, n. 9240. _______________ (1) Si veda il D.L.vo 9 aprile 2008 n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Giurisprudenza Mobbing dei dipendenti, il datore condannato al risarcimento, Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 4 dicembre 2020, n. 27913 Falsa denuncia, non è punibile se è inverosimile e assurda, Cassazion penale, sez.lavoro, ordinanza 4 ottobre 2019, n. 24883 Amianto sulle navi: il Tribunale di Genova condanna il Ministero della difesa, Tribunale di Genova, sez. II civile, sentenza 29/01/2019 n° 272 Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 11 dicembre 2017 n° 29582, Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza 22 marzo 2018 n° 7097, Cassazione Civile, sez. lavoro, ordinanza 26 febbraio 2018 n° 3871, Cassazione…

2020 12 27 lavoro dipendente: quanto costa un dipendente
lavoro subordinato / 2020-12-27

2020 12 27 lavoro dipendente: quanto costa un dipendente Quanto costa un dipendente ad un’azienda? Il costo del lavoro dipende da una serie di variabili ma è rappresentato, in massima parte, dai contributi previdenziali. Hai deciso di aprire una nuova attività economica. Vorresti assumere un dipendente ma ti spaventa il costo che devi sostenere. Ti chiedi quant’è il costo aziendale di un dipendente. Si sente spesso dire che l’Italia è uno dei Paesi europei in cui il costo del lavoro è più alto. Ma è davvero così? Quanto costa un dipendente ad un’azienda? Sono diverse le voci che contribuiscono ad accrescere il costo del lavoro anche se, senza alcun dubbio, la voce di costo principale è rappresentata dai contributi previdenziali ed assistenziali. Indice 1 Cos’è il costo del lavoro? 2 Costo del lavoro: la retribuzione del lavoratore 3 Costo del lavoro: gli oneri accessori 4 Costo del lavoro: gli oneri indiretti segue…….. https://www.laleggepertutti.it/438738_quanto-costa-un-dipendente-ad-unazienda  

2019 08 21 antiriciclaggio: licenziamento dipendente x omessa segnalazione operazioni sospette

2019 08 21 antiriciclaggio: licenziamento dipendente x omessa segnalazione operazioni sospette LICENZIAMENTO DIPENDENTE BANCA: è legittimo per omessa segnalazione di numerose operazioni sospette, anche se assolto in sede penale Rilevano le plurime condotte scorrette del dipendente bancario oggetto di contestazione disciplinare e non la sentenza di assoluzione Sentenza | Cass. civ. Sez. lavoro, Pres. Di Cerbo – Rel. Pagetta | 21.08.2019 | n.21548 Provvedimento segnalato dal Dott. Donato Giovenzana, Legale d’impresa È legittimo il licenziamento di un dipendente bancario per mancato rispetto delle norme antiriciclaggio, anche nell’ipotesi in cui questi sia stato assolto in sede penale dal reato di favoreggiamento reale con la formula «perché il fatto non sussiste». Questo il principio espresso dalla Corte di Cassazione, sezione lavoro, Pres. Di Cerbo – Rel. Pagetta, con la sentenza n. 21548 del 21.08.2019. ……….. https://www.expartecreditoris.it/provvedimenti/licenziamento-dipendente-banca-e-legittimo-per-omessa-segnalazione-di-numerose-operazioni-sospette-anche-se-assolto-in-sede-penale