percentuale di ricarico Cass 31600 e 31601 del 2019 12 04

percentuale di ricarico Cass 31600 e 31601 del 2019 12 04 2019 12 04 per ricaric Cas 31600 e 31601 Corte di Cassazione, sezione V – Tributaria civile – ordinanza 4 dicembre 2019, n. 31600 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. PERRINO Angelina Maria – Presidente – Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere – Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere – Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere – Dott. NOVIK Adet Toni – rel. Consigliere – ORDINANZA sul ricorso iscritto al n. 17177/2012 R.G. proposto da: C.N., rappresentato e difeso dagli avv.ti Adriano Giuffre’ e Francesca Giuffre’, elett. dom. presso il loro studio in Roma, via Dei Gracchi, 39; – ricorrente – contro Agenzia delle Entrate, in persona del direttore pro tempore, domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende; – controricorrente – avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Basilicata n. 116/1/2011 del 3 maggio 2010, depositata il 8 giugno 2011, non notificata. Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 30 maggio 2019 dal Consigliere Adet Toni Novik. FATTI DI CAUSA Con sentenza n. 116/1/2011 del…

percentuale di ricarico – spetta al contribuente provare gli elementi contrari e ostativi alla maggiore pretesa erariale cass. 7003

percentuale di ricarico – spetta al contribuente provare gli elementi contrari e ostativi alla maggiore pretesa erariale cass. 7003   CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 21 marzo 2018, n. 7003 – Accertamento sintetico – Il principio secondo cui, accertato induttivamente il maggior reddito del contribuente, spetti a questo la prova degli elementi contrari e ostativi alla maggiore pretesa erariale. CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 21 marzo 2018, n. 7003 Tributi  -IRPEF, IVA e IRAP – Accertamento delle imposte sui redditi – Rettifica – Art. 39, comma 1, lett. d), del d.P.R. n. 600 del 1973 Fatti di causa L’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione (rgn. 14267/10), sulla base di tre motivi, nei confronti della sentenza della Commissione tributaria regionale della Liguria n. 83/3/09 che, accogliendo l’appello proposto da P.R.R., in proprio e quale legale rappresentante della L. snc, ha annullato l’avviso d’accertamento R4D 020200468 con il quale ai sensi dell’art. 39, comma 1, lett. d), del d.P.R. n. 600 del 1973, erano stati contestati alla società maggiori ricavi, pari ad € 23.822,00, ai fini IRPEF, IVA e IRAP per l’anno 2002. Con autonomi ricorsi (rgn. 14268/2010 e 14269/2010) l’Agenzia delle entrate, sulla base, rispettivamente, di quattro e di tre…

contenzioso tributario – accertamento X relationem a pvc – accertamento valido 2018 01 31 

contenzioso tributario – accertamento X relationem a pvc – accertamento valido 2018 01 31 Secondo la Cassazione l’avviso di accertamento, rappresentando l’atto conclusivo di una sequenza procedimentale a cui possono partecipare anche organi amministrativi diversi, può essere motivato “per relationem”, anche con il rinvio pedissequo alle conclusioni contenute in un atto istruttorio (nella specie il p. v. c. della GDF), senza che ciò arrechi alcun pregiudizio al diritto del contribuente. ^^^^^^^   CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA DEL 31 GENNAIO 2018, N. 2390 Rilevato che: Agenzia delle Entrate impugna la sentenza della CTR Sicilia 12.11.2009, n. 173/01/09 in RG 3375/08 che ha rigettato il suo appello avverso la sentenza C.T.P. Agrigento n. 111/07/2007 in tema di impugnazione di avvisi di accertamento emessi per IVA, IRPEG e IRAP per il 2000, così confermandone la illegittimità quanto agli originari rilievi sulla percentuale di ricarico determinata in sede di verifica dalla G.d.F. e i costi di esercizio non ritenuti deducibili, in accoglimento del ricorso del contribuente M.N., esercente attività commerciale di rivendita di prodotti per l’edilizia; ritenne la CTR che le contestazioni avanzate dall’Ufficio al contribuente fossero generiche, quanto ai costi precisamente non inerenti ovvero a quelli valutati non di competenza; mentre quanto…