principio competenza – irrilevante la data ricezione fattura 2018 06 18 

principio competenza – irrilevante la data ricezione fattura 2018 06 18 Esercizio di competenza: irrilevante la data in cui perviene la fattura. Il mancato accordo delle parti sul costo non significa necessariamente che quella componente negativa di reddito non sia, prima dell’accordo stesso, obiettivamente determinabile. La sentenza della Cassazione in rassegna (n. 7032/2018) riafferma, in primo luogo, l’inderogabilità del principio di competenza fissato dall’articolo 75, comma 4 del Tuir (ante 2004), per cui le spese e gli oneri specificamente afferenti i ricavi e altri proventi, che pur non risultando imputati al conto dei profitti e delle perdite concorrono a formare il reddito, sono ammessi in deduzione se e nella misura in cui risultano da elementi certi e precisi. A tal fine, viene citata la precedente pronuncia del Supremo collegio 14 febbraio 2014, n. 3484, secondo cui la deduzione dei costi per il ripristino della funzionalità di prodotti difettosi, la cui alienazione già costituiva il titolo di un componente di reddito, sostenuti successivamente alla chiusura del relativo periodo d’imposta, deve avvenire nel precedente periodo, in quanto i detti requisiti erano stati rilevati prima dell’approvazione del bilancio. In tale sentenza di legittimità venne rammentata la propria giurisprudenza espressa nella decisione 24 gennaio 2013,…

contenzioso tributario – accertamento X relationem a pvc – accertamento valido 2018 01 31 

contenzioso tributario – accertamento X relationem a pvc – accertamento valido 2018 01 31 Secondo la Cassazione l’avviso di accertamento, rappresentando l’atto conclusivo di una sequenza procedimentale a cui possono partecipare anche organi amministrativi diversi, può essere motivato “per relationem”, anche con il rinvio pedissequo alle conclusioni contenute in un atto istruttorio (nella specie il p. v. c. della GDF), senza che ciò arrechi alcun pregiudizio al diritto del contribuente. ^^^^^^^   CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA DEL 31 GENNAIO 2018, N. 2390 Rilevato che: Agenzia delle Entrate impugna la sentenza della CTR Sicilia 12.11.2009, n. 173/01/09 in RG 3375/08 che ha rigettato il suo appello avverso la sentenza C.T.P. Agrigento n. 111/07/2007 in tema di impugnazione di avvisi di accertamento emessi per IVA, IRPEG e IRAP per il 2000, così confermandone la illegittimità quanto agli originari rilievi sulla percentuale di ricarico determinata in sede di verifica dalla G.d.F. e i costi di esercizio non ritenuti deducibili, in accoglimento del ricorso del contribuente M.N., esercente attività commerciale di rivendita di prodotti per l’edilizia; ritenne la CTR che le contestazioni avanzate dall’Ufficio al contribuente fossero generiche, quanto ai costi precisamente non inerenti ovvero a quelli valutati non di competenza; mentre quanto…

regime contabile semplificato di cassa – determinazione del reddito – Circ. 11 2017 04 13 

regime contabile semplificato di cassa – determinazione del reddito – Circ. 11 2017 04 13 Con l’intento di evitare salti o duplicazioni d’imposta, l’art.1, co.19, Legge di Bilancio 2017 ha stabilito che, nel caso di passaggio dalla contabilità semplificata con le regole di competenza (applicabile fino al 2016) a quella semplificata per cassa (applicabile dal 2017 per le imprese che presentano i requisiti), i ricavi, i compensi e le spese che hanno concorso alla determinazione del reddito, in base alle regole del regime adottato, non assumono rilevanza nella determinazione dei redditi imponibili degli esercizi successivi. OGGETTO: Nuovo regime di determinazione del reddito per le “imprese minori” – Disciplina IRPEF ed IRAP 2017 04 13 reg sempl cassa princ cassa circ 11