regime forfettario Causa esclusione Ris. Min. 7 2020 02 11 
regime forfettario / 2020-02-11

regime forfettario Causa esclusione Ris. Min. 7 2020 02 11 OGGETTO: Regime forfetario di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, della legge 190/2014. Modifiche ai requisiti di accesso e alle cause di esclusione introdotte dalla legge di bilancio 2020. Decorrenza. L’Agenzia Entrate con R.M. 7/2020 ha fornito chiarimenti riguardo alla decorrenza della nuova causa ostativa al regime forfettario e riguardo alla nuova condizione di accesso, entrambe introdotte dalla Legge di bilancio 2020, prevedendo che le stesse operino già dal periodo d’imposta 2020 se i contribuenti, nell’anno 2019, hanno superato gli stabiliti limiti. 2020 02 11 regime forfettar causa esclus RM 7

regime forfettario limite ricavi per accesso e permanenza 2020 02 11 
regime forfettario / 2020-02-11

regime forfettario limite ricavi per accesso e permanenza 2020 02 11 Nel computo del limite dei ricavi, ai fini dell’accesso e permanenza nel regime forfetario, non rilevano i maggiori ricavi o compensi dichiarati ai fini degli Isa, così come prescritto dall’art.1, comma 55, lett. a), legge 190/2014. Legge di stabilità 2015 (L. 190/2014) – Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015). (Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2014, n. 300, supplemento ordinario, n. 99) Art. 1, Comma 55, Ai fini della verifica della sussistenza del requisito per l’accesso al regime forfetario di cui al comma 54, lettera a): a)non rilevano gli ulteriori componenti positivi indicati nelle dichiarazioni fiscali ai sensi del comma 9 dell’articolo 9-bisdel decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96; b)nel caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici ATECO, si assume la somma dei ricavi e dei compensi relativi alle diverse attività esercitate. (1) _________________ (1) Comma prima sostituito dall’art. 1, comma 9, lett. a), L. 30 dicembre 2018, n. 145, e poi così modificato dall’art. 1, comma 692, lett. b), L. 27 dicembre 2019, n. 160, a decorrere dal 1° gennaio 2020.  

regime forfetario Nuovi limiti RM nr.7 2020 02 11 
regime forfettario / 2020-02-11

  regime forfetario Nuovi limiti RM nr.7 2020 02 11 Forfetario: nuovi limiti dal 2020 e senza “collisioni” con lo Statuto. Le ultime modifiche al regime non impongono alcun adempimento immediato da parte dei contribuenti, ma solo una verifica di non superamento delle soglie attualmente previste Con la risoluzione n. 7/E dell’11 febbraio 2020, l’Agenzia ha chiarito che le novità introdotte dall’ultima legge di bilancio nella disciplina del regime forfetario (articolo 1, commi da 54 a 89, della legge n. 190/2014), in tema di requisiti di accesso (non aver sostenuto più di 20mila euro di spese per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti e collaboratori) e di cause di esclusione (aver percepito più di 30mila euro di redditi da lavoro dipendente e assimilati) operano a partire dal periodo di imposta 2020. A ciò non ostano, diversamente da quanto sostenuto in alcune sedi, all’indomani dell’entrata in vigore di dette novità, le disposizioni dello Statuto del contribuente in tema di efficacia temporale delle norme tributarie. L’Agenzia delle entrate, con la risoluzione odierna, è intervenuta per fornire chiarimenti in merito alla decorrenza delle modifiche al regime forfetario introdotte dall’ultima legge di bilancio. L’intervento si è reso necessario in quanto, nelle ultime settimane, erano stati sollevati da più…

regime forfettario Cambiamenti 2020 legge di bilancio 2020 01 02 
regime forfettario / 2020-01-02

regime forfettario Cambiamenti 2020 legge di bilancio 2020 01 02 Legge di bilancio per il 2020 – 2: come cambia il regime forfetario Cancellata la disposizione che introduceva, da quest’anno, la tassazione sostitutiva al 20% per gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni con ricavi/compensi compresi tra 65.001 e 100mila euro La disciplina del regime forfetario, riservato alle persone fisiche titolari di redditi d’impresa o di lavoro autonomo che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a 65mila euro (articolo 1, commi da 54 a 89, legge n. 190/2014), è stata oggetto di alcune modifiche a opera della legge di bilancio 2020 (articolo 1, comma 692, legge n. 160/2019). In particolare, sono stati reintrodotti due vincoli che, secondo la relazione tecnica al provvedimento normativo, dovrebbero ridurre quasi di un quarto la platea dei beneficiari del regime, da 1,4 milioni a meno di 1,1 milioni: è stata aggiunta una nuova condizione di accesso, rappresentata dal limite di 20mila euro lordi di spese sostenute per lavoro accessorio, per lavoro dipendente e per compensi erogati a collaboratori, anche a progetto, comprese le somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati e quelle per prestazioni di lavoro rese dall’imprenditore o dai suoi…

amministratore soc e professionista Red lav autonomo Regime forfettario 2019 06 21 

amministratore soc e professionista Red lav autonomo Regime forfettario 2019 06 21 In risposta all’istanza di interpello n.202 del 21.06.2019, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i compensi percepiti per l’incarico di consigliere di amministrazione presso una clinica privata, da parte di un soggetto che svolge l’attività professionale di medico chirurgo, si qualificano come redditi di lavoro autonomo di cui all’art.53 TUIR e, pertanto, ai fini dell’accesso al regime forfetario, il superamento della soglia di 65.000 euro deve essere verificata considerando il complesso dei compensi percepiti dalle attività svolte. ^^^^^ Agenzia delle entrate Risposta ad interpello 21 giugno 2019, n. 202 – Articolo 1, comma 57, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come modificato dall’articolo 1, commi da 9 a 11, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 – Accesso al regime c.d. forfetario. (Pubblicato sul sito web dell’Agenzia) – Direzione Centrale Piccole e Medie Imprese Oggetto: Articolo 1, comma 57, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come modificato dall’articolo 1, commi da 9 a 11, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 – Accesso al regime c.d. forfetario QUESITO L’istante dichiara di svolgere, da vari anni, l’attività professionale di medico chirurgo e di avere un incarico di consigliere di amministrazione presso una clinica privata nei cui…

regime forfettario 2019 01 09
regime forfettario / 2019-01-09

Regime forfettario 2019 01 09 Nel 2019 il regime forfettario (ex  art. 1, co. 9-11, l. n. 145/2018) è esteso ai contribuenti con ricavi o compensi fino a 65.000 euro. Potrà, quindi, continuare ad applicare il forfettario anche chi lo scorso anno ha superato il limite di reddito previsto in riferimento alla sua categoria ATECO di appartenenza. La legge di bilancio riduce anche le restrizioni per l’accesso con riferimento alla possibilità di avere collaboratori e per quel che riguarda l’ammontare dei beni strumentali acquistati. Viene eliminato anche il divieto per chi ha lavoro dipendente e per i pensionati di usufruire del regime forfettario in caso di redditi superiori ai 30.000 euro l’anno precedente, a patto che non emettano fatture solo nei confronti dei datori di lavoro (attuali o ex datori di lavoro).   Con la legge finanziaria vengono eliminate le altre condizioni per l’accesso al regime previste dalla previgente normativa quali: aver sostenuto spese per lavoro dipendente; costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, di beni mobili strumentali al 31.12 non superiore a 20 mila Euro. 2019 01 09

regime forfettario Limite ricavi 2019 01 02 
regime forfettario / 2019-01-02

regime forfettario Limite ricavi 2019 01 02 Regime forfetario più accogliente: aperto fino a 65mila euro di ricavi Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata Ambito applicativo molto più ampio per il regime forfetario riservato a imprenditori, artisti e professionisti: è stata innalzata la soglia limite di ricavi/compensi e sono stati eliminati gli ulteriori requisiti di accesso riguardanti il costo del personale e quello dei beni strumentali. È una delle tante novità tributarie contenute nella legge di bilancio n. 145/2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre, Supplemento ordinario n. 62. Le modifiche sono dettate dai commi 9-11 dell’articolo 1, che intervengono sulla disciplina istituita – dalla legge di stabilità 2015 (articolo 1, commi 54-89, legge 190/2014) – a favore delle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, consistente nella determinazione forfetaria del reddito e nel suo assoggettamento a un’imposta sostitutiva (dell’Irpef e relative addizionali regionale e comunale nonché dell’Irap) con aliquota del 15 per cento. La disciplina in vigore nel 2018 Trattandosi di regime naturale per chi ne possiede i requisiti, non è richiesto l’esercizio di un’opzione né l’invio di…

regime forfettario Cause di esclusione Circ. 10 2016 04 04 
regime forfettario / 2016-04-04

regime forfettario Cause di esclusione Circ. 10 2016 04 04 Regime forfettario – Cause di esclusione – reddito di lavoro assimilato o di lavoro dipendente superiore a 30.000,00  euro. La verifica di tale parametro non va effettuata se, in quello stesso anno, il rapporto di lavoro è cessato, sempre che, come precisato dalla prassi amministrativa (vedi circolare n.10/2016, par. 2.3), non sia stato percepito un reddito di pensione; quest’ultimo, infatti, essendo assimilato al reddito di lavoro dipendente rientra nel conteggio ai fini del raggiungimento del limite. 2016 04 04 regime forfettario applicazione Circ-10e