truffe attenti – email ingannevoli rimborso canone Rai 2018 04 24 
truffe attenti / 2018-04-24

truffe attenti – email ingannevoli rimborso canone Rai 2018 04 24 Attenzione alle email ingannevoli l’oggetto è “Rimborso Canone Rai”. Le comunicazioni in argomento, infatti, non provengono da alcun indirizzo collegato all’Amministrazione fiscale, che raccomanda di non prenderle assolutamente in considerazione. Truffe sempre dietro l’angolo. Questa volta si tratta di email fraudolente che annunciano un fantomatico rimborso del canone Tv. L’intestazione è “Agenzia delle Entrate” e dovrebbero provenire dall’Assistenza servizi telematici dell’Agenzia, ma in realtà nascondono un nuovo tentativo di phishing. Non aprite questi messaggi di posta elettronica, nei quali si chiede anche di compilare un modulo all’interno di un sito dal finto nome “www.rimborso.rai.it”, cestinate. Le email in argomento, infatti, non provengono da alcun indirizzo collegato all’Amministrazione fiscale, che raccomanda di non prenderle in considerazione, di non cliccare sui collegamenti presenti e, in particolare, non fornire i propri dati anagrafici né tantomeno gli estremi della carta di credito. r.fo. pubblicato Martedì 24 Aprile 2018 http://www.fiscooggi.it/attualita/articolo/attenzione-alle-email-ingannevolil-oggetto-e-rimborso-canone-rai

truffe dietro l’angolo
truffe attenti / 2018-01-27

2018 01 24 truffe – attenti alle false email Agenzia delle Entrate- Riscossione: email false per truffa False email con avvisi di notifica atti a danno dei contribuenti: continuano i tentativi di truffa. L’Agenzia delle Entrate-Riscossione, con un avviso pubblicato sul proprio sito, ha informato i contribuenti dei nuovi tentativi di phishing con false email. In particolare, si comunica che sono in corso delle campagne di phishing mediante la trasmissione di messaggi di posta elettronica con mittente @info@janpreston che contengono avvisi di notifica degli atti per conto di Agenzia delle entrate-Riscossione. Come riportato in uno specifico bollettino di sicurezza ricevuto dal CERT-MEF, le campagne di phishing sono finalizzate all’appropriamento delle credenziali utente dei destinatari dei messaggi di posta elettronica. L’attivazione del link riportato nella mail ha l’effetto di installare un programma in grado di intercettare l’utenza e la password del computer. Agenzia delle entrate-Riscossione raccomanda di non tenere conto delle email ricevute, di eliminarle, di non utilizzare i link indicati, di non scaricare alcun allegato di non dare seguito alle richieste riportate nel testo.