2020 12 28 centrale rischi: quando scatta la segnalazione

2020 12 28 centrale rischi: quando scatta la segnalazione Centrale Rischi: quando scatta la segnalazione Autore: Paolo Remer Requisiti e condizioni per l’iscrizione in banca dati: serve una valutazione complessiva del debitore, non è sufficiente un ritardo nei pagamenti o uno scoperto. Il tuo conto corrente è in rosso da un po’ di tempo; la banca ha constatato lo sconfinamento, invitandoti a rientrare al più presto dall’esposizione debitoria. Non sei in difficoltà economica, ma subisci uno sbilanciamento tra le entrate e le uscite di periodo; così risulti in sofferenza e temi di essere iscritto nella Centrale Rischi, la banca dati dei cattivi pagatori. Vorresti sapere quali sono le condizioni previste: se ci sono dei limiti di importo, di tipo di credito e di durata dell’inadempimento e, dunque, capire quando scatta la segnalazione alla Centrale Rischi. Alcune recenti sentenze della Cassazione hanno puntualizzato i requisiti necessari: la posizione del debitore deve essere valutata da un punto di vista sostanziale e non meramente formale. Come vedremo, non basta il conto corrente scoperto o un ritardo nei pagamenti di alcune rate per finire iscritto nel novero dei debitori insolventi. Indice 1 Centrale Rischi: cos’è e cosa contiene 2 Centrale Rischi: la soglia per le segnalazioni 3 Centrale Rischi:…

2020 12 15 centrale rischi: segnalazione alla centrale rischi: chiarimenti Cass 28635

2020 12 15 centrale rischi: segnalazione alla centrale rischi: chiarimenti Cass 28635 Chiarimenti della Suprema Corte in tema di segnalazione presso la Centrale Rischi Ai fini della segnalazione a sofferenza la nozione di insolvenza che si ricava dalle Istruzioni emanate dalla Banca d’Italia, sulla base delle direttive del CICR, non si identifica con quella propria fallimentare, ma si concretizza in una valutazione negativa della situazione patrimoniale, apprezzabile come deficitaria, ovvero come di grave difficoltà economica, senza, quindi, alcun riferimento al concetto di incapienza o irrecuperabilità; si deve quindi trattare di una grave e non transitoria difficoltà economica equiparabile, anche se non coincidente, con la condizione d’insolvenza. 2020 12 15 segnalaz centr rischi Cass 28635